Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Anche Napoli verso ZTL e tassa per i bus turistici, un buon segno per la lotta in Costa d’ Amalfi

Il Consiglio comunale di Napoli ha approvato la delibera che detta le linee guida per introdurre anche nel capoluogo partenopeo la tassa di accesso per i bus turistici, il balzello esistente in gran parte delle città italiane per ridurre lo smog e l’invasione nei centri storici dei pullman. Una delibera che avrà bisogno di ulteriori provvedimenti prima di diventare operativa, ma è un buon segno per la lotta per la ZTL e la limitazione dei grandi bus turismo e i Tpl autorizzati dalla Regione Campania che invadono la S.S. 163 in Costiera amalfitana, insomma la ZTL è una buona idea.

Va chiarito che la misura è di carattere sperimentale, e punta a regolamentare l’accesso dei circa 20mila bus che ogni anno raggiungono Napoli. Per ora si sa solo che, in linea di massima, si dovrà pagare da un minimo di 100 euro (per gli automezzi euro 6) ad un massimo di 130. Sono esentati dal pagamento i ragazzi in gita scolastica e le società di bus turistici del Comune di Napoli.

L’entrata in vigore del provvedimento, con allegata la zona a traffico limitato, è prevista per il prossimo Natale. Occorrono dei tempi tecnici per definire sia la tassa, la Ztl, le zone di parcheggio e la salita e la discesa dei turisti. Si immaginano polemiche anche se è prematuro, dal momento che la tassa di soggiorno ha avuto un incremento di 50 centesimi. Ma – come fanno notare dal Comune – in tutte le grandi città i bus turistici per entrare devono pagare questo accade a Milano, a Roma, a Firenze a Venezia e si parla di cifre nettamente superiori a quelle che si stanno ipotizzando per Napoli.
Intanto la petizione ha raggiunto la cifra record di nove mila firme

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    …..in tutte le grandi città i bus turistici per entrare devono pagare e questo accade a Milano, a Roma, a Firenze a Venezia…..dove si sono risolti tutti i problemi derivanti dai flussi, dall’inquinamento acustico e ambientale, dal traffico, dalla pulizia ecc. Posti praticamente vivibilissimi grazie alle tasse ZTL e di soggiorno. Lo slogan è: LE MASSE FANNO CASSA !!!