Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

“Nuovi Eroi”: su Rai 3 la storia di Elvira D’Amato, poliziotta di Maiori che combatte i pedofili – VIDEO

Storie di eroi della Costiera Amalfitana. Sui Rai 3, alla trasmissione “Nuovi Eroi”, è andata in onda una puntata dedicata ad Elvira D’Amato, poliziotta originaria di Maiori che da anni combatte la pedofilia.

Classe ’59, Elvira D’Amato è ora Vice Questore Aggiunto, nonché insignita del riconoscimento di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per il suo contributo alla tutela dei minori in rete e al contrasto al cyberbullismo e alla pedo-pornografia”.

E’ attualmente responsabile del Centro Nazionale per il contrasto alla pedopornografia on-line presso il Servizio di Polizia postale e delle comunicazioni e si occupa delle indagini volte a garantire la tutela dei minori in rete, con particolare attenzione al contrasto del cyber-bullismo e della pedofilia. Anni fa, la stessa D’Amato descrisse così il Centro in questione: “Il Centro si trova in un immenso open space in cui cinque aree distinte svolgono e coordinano operativamente le indagini dei compartimenti della polizia postale distribuiti sul territorio. Questo tipo di attività è un vero valore aggiunto per tutte quelle analisi investigative informatiche svolte in un ambito senza frontiere come il Web. Esse richiedono una concezione, una pianificazione e una strutturazione sempre diversa; vanno supportate con strumenti investigativi particolari, notevole abilità ed esperienza, lunghe indagini sotto copertura ed una competenza tecnologica sempre all’avanguardia. Solo così è possibile monitorare con efficacia tutti quegli spazi virtuali clandestini dove circola materiale pedopornografico e dove i più giovani rischiano di imbattersi in trappole letali”.

Uno degli ultimi casi più eclatanti risolti soprattutto grazie al lavoro della D’Amato riguarda un uomo di Pescara, maestro di musica, in possesso di enormi quantità di materiale pedopornografico: si parla di 5.600 video e 130mila immagini pornografiche, di cui 1.075 pedopornografiche. Per questo, questa estate, venne arrestato dalla Polizia postale un insegnante di musica di 49 anni

Ecco il servizio completo: Clicca qui

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »