Maltempo: Costiera Amalfitana in trappola. Giornata da dimenticare per la Divina

Una giornata completamente da dimenticare per tutta la Costiera Amalfitana. Il maltempo di questa notte, protrattosi a questo primo pomeriggio, ha creato una serie di danni che hanno praticamente messo in ginocchio tutti i Comuni della Divina. Pochi sono i territori che non hanno dovuto fare i conti con qualche problema scaturito dal maltempo: tra frane, massi caduti e strade chiuse, la situazione è davvero allarmante.

Da Agerola, passando per Tramonti e Ravello, quello che abbiamo documentato e che abbiamo potuto nuovamente constatare, è che ci troviamo a parlare di un territorio fragile sotto certi punti di vista. E’ possibile che soltanto della pioggia possa far andare in tilt interi paesi e possa mettere a serio rischio la vita delle persone? Nel 2019 noi diciamo di no.

Noi di Positanonews siamo in giro per il territorio da questa mattina all’alba e quello che abbiamo potuto riscontrare è il caos. Partendo dal masso di quasi 100 chili caduto a Montepertuso, e che poteva ferire a morte i passanti in via Monsignor Saverio Cinque, fino a situazioni ancora più gravi come Tramonti e Agerola.

La statale che collega Agerola, Pimonte e Castellammare è stata chiusa fino a 15 minuti fa, mentre il Comune di Tramonti è interessato da tante frane che hanno portato il sindaco ad emanare un’ordinanza di chiusura dei plessi scolastici. Problemi anche a Ravello, dove massi enormi sono caduti sulla statale provinciale 1 che porta al Valico di Chiunzi. A Cetara, poi, è franata una strada nella frazione di Fuenti.

Insomma, il territorio ha dimostrato tutte le difficoltà e quanto lavoro ci sia da fare per mettere i Comuni in sicurezza. Fortunatamente il lavoro dei volontari della Protezione Civile e di tutti gli altri interessati, come la Polizia Municipale, permette di ripartire.

Commenti

Translate »