Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Massa Lubrense. Costi di rifiuti aumentati e deficienze , ecco la verità su Terra delle Sirene

Più informazioni su

Massa Lubrense. Costi di rifiuti aumentati e deficienze , ecco la verità su Terra delle Sirene . Riceviamo e pubblichiamo

Terra delle Sirene: facciamo un po’ di chiarezza…
Dopo l’ultimo Consiglio Comunale, in cui l’Amministrazione di Massa Lubrense ha evidenziato tutto il proprio disinteresse e la propria superficialità sulla questione “Terra delle Sirene” (per intenderci la società che cura il servizio rifiuti nel nostro comune) alcune notizie sono rimbalzate sul web e sulla carta stampata: a tenere banco è la data del 28 febbraio 2019 (dunque tra poco più di un mese), quando, se non saranno state trovate soluzioni, il servizio rifiuti a Massa Lubrense potrebbe essere sospeso. Il problema, per chi non lo sapesse, è che la nostra “Terra delle Sirene” spa è dal 21 novembre 2012 in liquidazione: cioè dovrebbe essere accompagnata alla chiusura. Ma come si è arrivati a questo? Provo a fare un po’ di chiarezza: nei primi anni del 2000, l’Amministrazione Comunale del periodo decise di cedere delle quote di “Terra delle Sirene” ad un altro socio pubblico, il comune di Vico Equense. Si voleva avviare una progettualità di lungo periodo creando una società consortile con la partecipazione dei comuni di tutta la Penisola Sorrentina, in modo da economizzare e rendere omogeneo in tutto il territorio peninsulare il servizio. Così però non fu: Massa Lubrense e Vico Equense rimasero i soli due comuni aderenti a “Terra delle Sirene”. In quel periodo, tutti si dissero d’accordo al progetto, tranne il sottoscritto: a raffreddare il mio animo era (ed è) la certezza che non si potesse fare “economia di scala” mettendo insieme solo due comuni che, pur avendo gli stessi problemi logistici di raccolta rifiuti (territorio vasto, diviso in frazioni e con strade scomode ecc.), stessero così lontani l’uno dall’altro, cioè ai due estremi della Penisola Sorrentina. La mia fu l’unica “voce fuori dal coro”: ed oggi si è avverata la profezia. La nostra società, che grazie all’abnegazione dei dipendenti e al senso civico dei massesi, offre un servizio impeccabile, porta con se un fardello non indifferente: diverse centinaia di migliaia di euro di crediti vantati nei confronti del comune di Vico Equense. Sì proprio così: Vico Equense, pur avendo ricevuto alcuni servizi extra sul suo territorio, non ha mai riconosciuto a “Terra delle Sirene” il dovuto. In questo modo si è giunti, tra liti e cause, allo scontro aperto proprio con il comune di Vico (che tra l’altro ha affidato ad un’altra società il servizio), paralizzando una società efficiente e produttiva come “Terra delle Sirene”. Ora la notizia del presunto stop alla raccolta per il 28 febbraio prossimo: un baratro da evitare in tutti i modi, che colpirebbe solo la cittadinanza di Massa Lubrense, da sempre attenta e collaborativa sul tema rifiuti. A balzare agli occhi è la mancata presa di coscienza e posizione della nostra Amministrazione Comunale, che dal 2015 a oggi, a parte aumentare le aliquote sui rifiuti, ha fatto poco o nulla per risolvere questa drammatica situazione, ma su questo ed altri temi torneremo senz’altro. Eppure un amministratore dovrebbe proiettare nel futuro le sfide del presente e immaginare cosa potrebbe accadere se venisse sospeso il servizio di raccolta dei rifiuti: faremmo la fine di Roma assediata dai cassonetti stracolmi? Oppure, per non andare troppo lontano, la fine di Torre del Greco, dove i rifiuti non ritirati invasero intere zone del centro? Spero vivamente che qualcuno dei nostri amministratori si interroghi sulla questione e provi a salvare in tutti i modi “Terra delle Sirene”: lo dobbiamo ai dipendenti e ai massesi. Pensiamoci …
Lello Staiano

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.