Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento, ragazza violentata nel ristorante: si parla di un’altra vittima

Sorrento. Spunta un’altra pista sul caso delle violenze al ristorante “I Giardini di Tasso”. “Ricordo che C. accusava M. dicendogli che lo aveva avvisato che sarebbe finita come un’altra ragazza“, questo è quanto riferito dalla vittima della presunta violenza sessuale, sul conto di M.P. cinquantaseienne residente a Meta e la ragazza C.E. ventitreenne di Sorrento, finiti in manette martedì per le violenze perpetrate ai suoi danni, dopo essere stata sedata con la “droga dello stupro”.

La Procura di Torre Annunziata sta lavorando su questo nuovo spunto, che vedrebbe il ristoratore e la sua complice, parlare di un altro caso non denunciato. Intanto è proprio su questa pista che insistono le indagini del commissariato di polizia di Sorrento, che sta operando sotto il coordinamento del pubblico ministero, il sostituto procuratore Emilio Prisco. Inoltre l’inchiesta già ha fatto emergere di altri episodi simili che si sono consumati all’interno del ristorante di via Pietà.

La polizia giudiziaria ha infatti sentito un’amica della vittima, che ha lavorato saltuariamente nel locale. La ragazza ha infatti svelato l’esistenza di foto nude della vittima, come confidato da una conoscente della complice.  L’intreccio si chiude con una relazione sessuale tra il ristoratore e la sua complice delle presunte violenze, come rivelato dall’amica della vittima, che da persona informata dei fatti, rivela che il ristoratore gli avrebbe confidato di andare a letto con una minorenne, in cambio di regali e soldi: inoltre mentre prestava servizio al locale assistette a questo tipo di scambi sessuali.

Il ristorante inoltre era poco frequentato secondo l’amica della vittima, che vedeva molto movimento soprattutto in chiusura di serata, quando ragazzi e ragazze, si rinchiudevano nella sala per bere e fumare spinelli con il proprietario. Il ristoratore era solito offrire la droga anche alla ragazza durante il suo periodo lavorativo, ma non ha mai accettato. Intanto il gip di Torre Annunziata, sta procedendo agli interrogatori del ristoratore nel carcere di Poggioreale: al momento il giudice delle indagini preliminari Emma Aufieri, non è riuscito a cavare nulla dal presunto aguzzino. Bisognerà capire se la suo complice dichiarerà la sua versione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.