Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Derby Torino -Juventus nel segno della memoria tra le tifoserie per onorare  l’ex tecnico e il reporter tifoso

C’è voluto un po’ prima di trovare le parole. Giuste? No, non ne esistono in momenti come questi. Ma vengono dal cuore, quello sì. Immenso, come il cuore delle radio universitarie. Sempre unite, nel bene e nel male. Mai come adesso. Perché Antonio era uno di noi. Si era tuffato nel progetto Europhonica come un vero giornalista d’assalto: raccontare l’Europa con gli occhi e la voce dei ragazzi universitari. Una realtà che aveva visto nascere da zero (2015) e da quest’anno era diventato anche capo progetto della redazione italiana. Un sogno. Quel sogno: l’Europa unita. Trento-Strasburgo su e giù una volta al mese, in valigia progetti e obiettivi di chi è innamorato della vita. Diventare grande tra i grandi. La radio, il suo mondo: era uno dei membri di RadUni, l’associazione degli operatori radiofonici universitari che produce vari progetti tra i quali proprio Europhonica, format condiviso con le principali radio europee ed italiane. Nella mente di tutti sono rimasti quei sorrisi durante i Festival delle Radio Universitarie (FRU): tre-quattro giorni nei quali i radio universitari di tutt’Italia si riuniscono una volta all’anno – sempre in una città diversa – per confrontarsi sulle varie esperienze attraverso workshop e panel. Un modo diverso per condividere una stessa passione.

su whatsapp. Poi quel messaggio, prima sul telefono poi dritto al cuore: «Purtroppo due amici delle radio universitarie non ci sono più». Maledetto proiettile… Tutti sapevamo, nessuno ci credeva. Antonio e Bartek, Bartek e Antonio. Due come noi. Due di noi. 75 ragazzi – radio universitari ed ex – in una chat whatsapp, zero messaggi. Mai successo. Troppo grande il dolore. Il cuore spezzato a metà. Il nostro, il vostro. Quello della famiglia, soprattutto. Antonio vivrà nei ricordi di tutti noi, non sbiadiranno mai. Rimarranno sempre a colori, ma non sarà la stessa cosa: i mixer si riaccenderanno senza di lui, le cuffie torneranno alle orecchie per coprire quel silenzio assordante che provoca la sua assenza. Per molti da domani tornerà tutto come prima. Per noi no, perché la sua voce non ci sarà più. Dicono che è la prima cosa che si dimentica quando una persona viene a mancare. Per fortuna, però, da qualche parte ci sarà conservato un podcast con le sue interviste. Sì, anche quelle fatte a Strasburgo. Lì dove tutto si è spento.

radiofonico come noi. Quelli passati sono stati giorni di ansia e apprensione. Su quella chat le cose peggioravano di giorno in giorno: «Ragazzi, Antonio è grave», «non si sa se si salverà». Non c’era voglia di ridere e scherzare come sempre. Abbiamo pregato e sperato. Ci siamo illusi. «Magari succede un miracolo», quante volte l’abbiamo pensato. E invece no, se n’è andato per davvero. Lui, uno di noi. Radiofonico come noi. Trasmetteva emozioni con la voce. Stavolta l’ha fatto in silenzio, lasciando un vuoto in ogni radio universitaria. Su quella chat ora c’è una sua foto come immagine profilo, e non poteva essere altrimenti: sorridente e con lo sguardo verso il futuro. Ma quel cuore poi ha smesso di battere. Presto, troppo presto. E mentre Antonio ci lasciava, tutte le radio universitarie si sono unite in un unico abbraccio. In silenzio, senza parole. Perché trovare una spiegazione a tutto questo è impossibile.

 

Nel riscaldamento ricordati Gigi Radice e Megalizzi

Un doppio lungo applauso per inaugurare la notte da record. Il derby della Mole si è aperto nel segno della memoria, per due personaggi che, in modi diversi, erano legati a Toro e Juve e che non ci sono più. Durante il riscaldamento, sono stati ricordati Gigi Radice e Antonio Megalizzi, entrambi scomparsi negli ultimi giorni. Radice è stato uno dei grandi della storia granata, come di diversi club di cui è stato giocatore e tecnico: fu lui il condottiero dell’indimenticabile scudetto del 1976, l’ultimo del Torino. Era malato da tempo. «Radice sempre nei nostro cuori» è l’omaggio della curva Maratona. Recentissima e tragica, è stata la morte di Megalizzi, la vittima italiana degli attentati di Strasburgo. Aveva 28 anni, Antonio, era tifoso juventino e, da giornalista, raccontava l’Europa in tutte le sue sfaccettature. Tutto lo stadio si è unito in un applauso comune e convinto.
SOLD OUT. La commozione ha quindi lasciato spazio allo spettacolo. La cornice è stata, appunto, da record. Tutto esaurito con 26.588 spettatori (e primato di paganti a quota 15.535) per un incasso di 860.977 euro. E la coreografia della Maratona è degna dell’importanza della serata. «Nessuna pausa, zero timori. In campo vogliamo 11 tori» con le scritte composte da migliaia di cartoncini argento e granata. «A testa alta» è stato lo striscione di risposta bianconero. Erano oltre duemila, tra settore ospiti e parte di tribuna est dedicata.

OLTRAGGIO. Tutto bene all’interno dell’impianto. Non completamente all’esterno dove si è consumato l’ennesimo oltraggio alle vittime dell’Heysel. Su un muro esterno, la scritta «Onore ai caduti» è stata modificata in «DISonore ai caduti». Un episodio antipatico che segue quello di due settimane a Firenze, nei confronti delle stesse vittime e di Gaetano Scirea. Nel complesso, c’era qualche timore per le ore precedenti al match, dopo che le tifoserie si erano sfidate in settimana a colpi di striscioni di dubbio gusto. A tenere in allarme le forze dell’ordine c’era il corteo dei tifosi della Juve per arrivare in gruppo allo stadio. Il bilancio è tutto sommato positivo, se si eccettuano alcune scaramucce con i granata in piazza San Gabriele di Gorizia, a due passi dall’impianto. E tutto sommato tutto sereno anche all’arrivo dei pullman delle squadre. Eccezion fatta per una gaffe dei tifosi del Toro che hanno confuso i mezzi, urlando insulti vari al bus che portava i giocatori granata. Prima di accorgersi dell’errore e di trasformare tutto in applausi e cori.

FONTE:corrieredellosport

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.