Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento,con il Movimento 5 Stelle la questione Conservatorio S.M. delle Grazie approda in Parlamento.

Riceviamo e pubblichiamo:

SORRENTO…M5s “GRAVI VIOLAZIONI PER IL CONSERVATORIO S. MARIA DELLE GRAZIE, INTERROGAZIONE PARLAMENTARE”.

Il Conservatorio S.M.delle Grazie a Sorrento è un importante istituzione per l’intera penisola sorrentina, un bene che appartiene ai cittadini, ma questa amministrazione che se ne frega dei cittadini e dei loro beni, sta permettendo a privati di scipparne i  beni più preziosi, vedi vallone dei mulini. Noi non siamo restati con le mani in mano e grazie al lavoro del Meetup Penisola Sorrentina e grazie alla collaborazione della  nostra portavoce, Senatrice Virginia La Mura, abbiamo presentato un interrogazione parlamentare al fine di fermare questa vergognosa decisione di trasformare il Conservatorio in una ennesima struttura turistico-ricettiva.  – Lotito Rosario 

SORRENTO, VIRGINIA LA MURA (M5S): “GRAVI VIOLAZIONI PER IL CONSERVATORIO S. MARIA DELLE GRAZIE, INTERROGAZIONE PARLAMENTARE”

“Ho depositato un’interrogazione parlamentare destinata al ministro alla Cultura sul conservatorio S. Maria delle Grazie di Sorrento affinché si possa intervenire per contrastare abusi che vanno a snaturare un luogo storico e dalla funzione sociale importante”, lo dichiara la senatrice Virginia La Mura. “Questo conservatorio, sito nel centro storico di Sorrento, fu fondato nel 1566 da una nobildonna con lo scopo di garantire l’istruzione alle ragazze indigenti della zona. Successivamente la struttura fu adibita a monastero, per tornare poi nel 1886 ad essere utilizzato con lo scopo di assicurare il ricovero e l’educazione ai fanciulli poveri dei Comuni di Sorrento, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Meta. Oggi il Conservatorio è una scuola parificata che ha mantenuto gli scopi sociali ed assistenziali originari, tuttora previsti dall’art. 1 del suo statuto. Eppure, nel 2016 il presidente dell’istituto ha stipulato regolare contratto di locazione con la ditta Schisano Antonio per far adibire una parte dell’edificio ad attività turistico-ricettiva consentendo anche lavori di ristrutturazione per adeguare l’immobile alla suddetta attività. La società che ha preso in locazione la struttura ha così fatto richiesta al Comune di Sorrento non solo per realizzare i lavori, ma anche per modificare in parte la categoria catastale da “collegi, educandati, orfanotrofi, conventi ecc.” a “uffici e studi privati”. Richieste accettata dallo stesso Comune”. 

Aggiunge La Mura: “Questi interventi, finalizzati ad una attività lucrativa di tipo turistico, vanno a svilire totalmente la storia del Conservatorio e la sua ricchezza culturale, essendo inoltre inconciliabili con il corretto svolgimento delle funzioni educative, scolastiche ed assistenziali dello stesso. L’immobile, d’altronde, può essere interessato solo da interventi di restauro, come previsto dal Piano Urbanistico Comunale di Sorrento, che tra l’altro non consente destinazioni d’uso per attività turistico-ricettive a questa tipologia di immobili. Il Comune ha dunque autorizzato la realizzazione di lavori non consentiti dagli strumenti urbanistici. E non è tutto: anche la locazione a scopi turistico-ricettivi non rispetta gli standard del PUC perché estende le aree destinate ad attività terziarie a scapito di quelle destinate all’istruzione, considerando anche che il Conservatorio contribuisce a coprire il fabbisogno di edilizia scolastica previsto dal Piano Urbanistico Territoriale. Infine, la delibera del consiglio di amministrazione del Conservatorio con cui è stata stabilita la locazione, non rispetta lo statuto dello stesso in quanto approvata in assenza di uno dei membri. Spero che si agisca subito per impedire violazioni che portano alla cancellazione di secoli di storia e all’impossibilità di svolgimento delle attività per cui il Conservatorio tuttora esiste”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.