Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

La nazionale italiana del volley femminile perde la finale contro la Serbia, ma la penisola sorrentina è orgogliosa della sua Monica De Gennaro, premiata come miglior libero dei mondiali

Più informazioni su

YOKOHAMA – Il Mondiale, il primo della sua storia, è della Serbia, alle azzurre solo tanti, tantissimi rimpianti. Una finale lunghissima chiusa al tie break, una nuova altalena di emozioni che stavolta ha punito l’Italia, arrivata fiaccata da 10 set giocati in ventiquattr’ore a giocarsi il mondo all’ultimo punto. Decisivo, sul 9-8 serbo nell’ultima partita uno spaventoso muro di Mihajlovic su Egonu. Lì le slave prendono l’abbrivio decisivo. È proprio la schiacciatrice, più di Boskovic, la donna del destino serbo.

Finisce 3-2 quindi, ma stavolta col 3 dalla parte sbagliata, col Giappone e con la Cina le azzurre avevano vinto all’ultimo punto. I parziali raccontano l’equilibrio visto in campo, ma solo nei set vinti dalle azzurre: 21-25, 25-14, 23-25, 25-19, 15-12). Fatturato enorme ancora per Egonu (30 attacchi, 2 muri e un ace), ma anche una gran quantità di errori che sommati alla serata di scarsa vena di Sylla hanno premiato Terzic.

In Giappone bellissima ed avvincente finale del volley femminile con la nazionale italiana che viene purtroppo sconfitta dalla Serbia ma che gioca comunque una partita grandissima, lottando con forza e caparbietà. Ma i tifosi azzurri possono comunque essere orgogliosi delle proprie ragazze che hanno lottato fino all’ultimo e conquistano un non meno importante secondo posto. Anche in penisola sorrentina si è tifato per la nazionale italiana e, in particolare, per  Monica De Gennaro che ha raggiunto un traguardo eccezionale. Anche se pesa la sconfitta, Monica ha conquistato comunque un altro successo ed è stata premiata quale miglior libero dei mondiali. I santanellesi ed i carottesi ora l’attendono per poter festeggiare il risultato ottenuto. Perché oggi anche la penisola sorrentina sale sul podio grazie alla sua concittadina e l’argento conquistato per noi vale comunque oro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.