Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

La guerra ai Cannabis store, per Fontana e San Patrignano anche da quella leggera si può fare droga. Ecco che succede

Più informazioni su

La guerra ai Cannabis store, per Fontana e San Patrignano anche da quella leggera si può fare droga. Ecco che succede  Lorenzo Fontana, ministro alle Politiche per la famiglia e le disabilità con delega alla droga, oggi è stato presente al WeFree Days a San Patrignano. Proprio qui il ministro ha evidenziato che la cannabis light, che presenta un THC pari allo 0,2% in linea di massima, anche se può oscillare fino allo 0,6% di principio attivo, non sarebbe così tanto “light”.

Secondo la ricerca “Cannabis light extraction” del dottor Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento delle politiche antidroga della Presidenza del Consiglio, prendendo circa 20/30 grammi di cannabis light, si può arrivare ad estrarre un quantità di THC considerato alterante, come quello contenuto in una “canna” normale. Il metodo è semplice: servono quella quantità di prodotto, un estrattore a gas butano, facilmente acquistabile sul web, e un po’ di pazienza per la ricerca su internet del metodo di realizzazione migliore. Una volta fatto, dai 20/30 grammi si può tirar fuori la quantità di THC necessaria per confezionare una canna “classica”. Circa 25 grammi di concentrato resinoso. Il tutto in modo legale e in soli quindici minuti.

Questa cosa ha evidentemente sconvolto il ministro, che non si sposta di un millimetro dalla sua posizione di “tolleranza zero”. Dopo aver raccontato di aver vissuto il “problema della droga” da vicino per la conoscenza di tanti ragazzi del suo quartiere che sono dovuti ricorrere all’aiuto della comunità di recupero di San Patrignano, il ministro ha detto di sentire “l’urgenza di combattere la battaglia contro la droga” perché “se una cosa fa male”, ha detto, “non capisco perché mai dovremmo renderla accessibile”. Quindi, ha ritenuto opportuno chiedere all’Istituto Superiore di Sanità di poter analizzare lo studio per “capire quali sono i pericoli legati alle sostanze vendute nei negozi”, perché questa “è chiaramente anche una battaglia culturale”.

Infatti a Fontana (così come più in generale alla Lega) non pare interessare che si stia parlando di cannabis light, che in questo modo viene paragonata alle cosiddette “droghe pesanti”. La caratteristica di questa cannabis è proprio quella di avere un principio attivo molto basso, ritenuto legale per la legge italiana e di cui è legalizzato perfino il commercio. È chiaro che la somma di svariati grammi, possano portare a una quantità di principio paragonabile a quella di una canna. Ed è chiaro che lo scopo di chi fa utilizzo di cannabis light non è propriamente quello di “sballarsi”. Come è palese che il prezzo di 20/30 grammi di cannabis legale non è proprio uguale al costo di una canna di marijuana: dato che in media ogni grammo di cannabis legale costa tra i 10 e i 13 euro al grammo, una singola canna prodotta attraverso il metodo segnalato dalla ricerca di Serpelloni costerebbe tra i 200 e i quasi 400 euro.

Insomma sono a rischio i cannabis store , uno anche a Sorrento che abbiamo contattato..

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.