Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Scala, scontro “a distanza” su Facebook tra i due gruppi consiliari sulla questione Municipio

Brucia ancora la ferita per l’incendio del Municipio, che lo scorso 4 agosto ha colpito il comune di Scala. Dopo l’incontro pubblico di lunedì all’Auditorium “Lorenzo Ferrigno”, gli alterchi sono proseguiti ad oltranza, da parte dei gruppi consiliari che su Facebook hanno fornito un vivace botta e risposta. Ieri Scala che cambia, con un post ha affermato che “è stata data ampia comunicazione sull’attualità della situazione, dando anche la possibilità di porre domande”, ma in uno nostro articolo abbiamo raccontato che all’incontro è avvenuta qualche discussione, con coloro che hanno chiesto ulteriori approfondimenti che sono stati definiti “sciacalli”.

Nella risposta avvenuta qualche ora dopo social, Progetto Scala ha sottolineato che la parola “incriminata”, è stata pronunciata dal sindaco Luigi Mansi ad indirizzo dei componenti della minoranza.

Ieri sera abbiamo assistito al solito show del Sindaco, che pensa di essere ancora in campagna elettorale, trasformando quella che poteva essere una bella occasione di dialogo costruttivo in una vera e propria gogna. Non un incontro pubblico ma un atto di accusa, calunnia, diffamazione, arroganza e mania di protagonismo, contro gli appartenenti al gruppo Progetto Scala (eh sì… perché a noi si riferiva, avendo mostrato il nostro manifesto e avendo letto uno stralcio di esso). Ancora una volta si delegittima il vero contraddittorio che deve aver luogo in consiglio comunale.
Addirittura veniamo accusati di non aver proferito parola al suo invito a fare domande…ma il suo non era un invito…era una PROVOCAZIONE, avendoci definiti SCIACALLI, soggetti non avvezzi alla politica ed in preda ad uno smarrimento di rotta…
Egregio Signor Sindaco rientri in se stesso e apra al dibattito democratico (quello vero…) anziché fomentare la gente, aizzare le folle e destabilizzare un paese intero…

Lo scontro è poi seguito con la pubblicazione di un post da parte di Progetto Scala, che ha segnalato atti amministrativi “bruciacchiati”, che svolazzavano dalla sede municipale, in cui si stanno realizzando i lavori per ripristinare gli uffici danneggiati dall’incendio. Scala che cambia ha replicato così dalla propria pagina Facebook:

“grazie della segnalazione”, abbiamo già provveduto a raccogliere i documenti che poggiati momentaneamente in una delle stanze incendiate, sono volati a causa del forte vento, visto che purtroppo non ci sono gli infissi. Sarebbe stato preferibile e più consono al ruolo istituzionale del consigliere comunale, anziché preoccuparsi di “postare” i documenti parzialmente distrutti e sappiamo per quale motivo, raccogliere gli stessi e riportarli diligentemente presso la Casa Comunale, ove gli stessi devono stare.


Lo scontro politico nel paese più antico della Costiera Amalfitana si fa sempre più vivo, con una minoranza che cerca il dialogo con toni costruttivi, ma i toni adottati dal primo cittadino Luigi Mansi non fanno altro che alimentare le polemiche, trascinando l’intera comunità scalese in una campagna elettorale permanente, che non fa certamente bene alla vita sociale e politica del piccolo paese costiero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.