Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Perin Debutto tra domani e mercoledì

Mattia Perin, 25 anni, portiere della Juve e della Nazionale Getty
 Occasione Perin. Il momento tanto atteso sta per arrivare: tra Frosinone e Bologna, ci sarà la staffetta tra gli eredi di Gigi Buffon. Szczesny tirerà il fiato dopo un avvio di stagione senza respiro e lascerà spazio a Perin. Il polacco è il titolare, come da gerarchie stabilite già in partenza.
Mattia ha una voglia matta di dimostrare di poter essere protagonista in bianconero. E attende di sbucare dal tunnel insieme agli altri dieci compagni, con la maglia da titolare. Il traguardo potrebbe essere dietro l’angolo, già domani a Frosinone. Al massimo mercoledì allo Stadium nel turno infrasettimanale contro il Bologna. Szczesny ha messo anche la sua firma sulla notte infuocata del Mestalla; ora Perin intende emularlo.
PRONTO. Massimiliano Allegri, d’altra parte, lo ha detto esplicitamente: «Mattia si sta allenando bene ed è pronto per giocare, prossimamente avrà spazio». Eravamo alla vigilia del Sassuolo, quando è toccato ancora al collega ex romanista, così come al debutto in Champions League. Adesso il calendario non darà tregua fino alla prossima sosta dei primi di ottobre e quindi l’ora dell’esordio di Perin è dietro l’angolo. E l’attesa è grande perché la Juve ha come alternativa a Szczesny un portiere di pari livello, che si sta giocando con Donnarumma il dopo Buffon anche in azzurro e che sarebbe titolarissimo in qualsiasi top club europeo. Anche tra i pali, quindi, la società ha fatto le cose in grande.
 
SFIDA E SPAZIO. Per Mattia è stata subito una sfida. Per la conquista di spazio. Consapevole delle condizioni di partenza, si è dato immediatamente un programma chiaro per raggiungere la meta della maglia da titolare. Fin dal giorno della presentazione: «So che parto svantaggiato ma la competizione farà bene a me e Wojciech. Lui ha disputato grandi partite quando ha giocato, si è meritato questa opportunità di sostituire Buffon. Io bagnerò di sudore tutti i giorni la maglia in allenamento e quando avrò la possibilità cercherò di dare il meglio, come ho sempre fatto nella mia vita. Non mi sento arrivato, sono qui con grande umiltà e voglia di migliorarmi». Adesso pure lui sta per salire sul palcoscenico da protagonista.
fonte:corrieredellosport

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.