Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Penisola sorrentina. Continuano le indagini sull’evasione della tassa di soggiorno. Gli imprenditori indagati potrebbero essere accusati di danno erariale

In penisola sorrentina proseguono le indagini della Procura di Torre Annunziata sull’evasione dell’imposta di soggiorno. Ad essere coinvolti ben 133 titolari di strutture alberghiere ed extralberghiere che inizialmente non avrebbero versato le somme ricavate dalle tasse e sono indagati per l’ipotesi di peculato d’uso. Si attende ora la conclusione delle indagini preliminari che potrebbe portare sotto processo gli imprenditori coinvolti. Oltre all’aspetto penale va valutato anche quello erariale. In questo senso la Procura regionale presso la Corte dei Conti della Campania si sta interessando attentamente alla questione e, conseguentemente, gli indagati potrebbero anche essere citati in giudizio dinanzi al collegio giudicante della magistratura contabile con l’accusa di danno erariale. Questo perché i soldi incassati grazie all’imposta di soggiorno sono soldi pubblici e, nel caso in esame, non si parla di pochi spiccioli ma, secondo un report della Guardia di Finanza di Massa Lubrese, si parla di circa un milione di euro. Una somma molto importante, anche se una parte è stata recuperata perché versata in ritardo. Non resta da attendere il percorso della giustizia per sapere l’esito di quello che rappresenta un vero e proprio scandalo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    Se gli operatori turistici hanno incassato e non hanno versato, allora avete ragione voi ma, se invece si sono rifiutati di chiedere l’elemosina, visto che sono tanti, allora hanno ragione loro. Un vero operatore turistico che vive di accoglienza e ospitalità, non gli và di chiedere l’obolo quando gli ospiti pagano il conto.