Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Gallerie in Costiera amalfitana sulla S.S. 163. Partiti i bandi per Positano, Praiano, Minori e Amalfi

Gallerie in Costiera amalfitana sulla S.S. 163. Partiti i bandi per Positano, Praiano, Minori e Amalfi    Lo scrive il collega Mario Amodio su Il Mattino di Napoli, nelle pagine di Salerno. Una rivoluzione per la Costa d’ Amalfi ora bisogna vedere entro il 3 settembre chi parteciperà, come scrive Il Mattino, e la realizzazione di queste opere come e quando verranno fatte, come ben sappiamo i tempi sono sempre triplicati nelle opere pubbliche, da due anni si arriva a sei, poi, chiaramente ci saranno i rilievi per i rischi idrogeologici e quelli ambientali e paesaggistici delle associazioni che già hanno espresso delle perplessità
Tre gallerie a Minori, Praiano e Positano e un by pass in roccia per liberare il centro storico di Amalfi. Sono gli interventi che la Regione Campania prevede di realizzare in Costiera Amalfitana per migliooare la percorribilità e la sicurezza lungo la statale che unisce Vietri a Positano. A questi si aggiunge anche la strada di collegamento della viabilità interna di Minori con la statale 163 Amalfitana e prevede parcheggi interrati pertinenziali e pubblici. Il bando di quest’opera, che prevede un autofinanziamento pubblico-privato, il cui importo complessivo si aggira sui 13 milioni di euro, è stato pubblicato il 17 luglio scorso sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e ora si attende che partner privati entrino in gioco nella cosiddetta finanza di progetto. Il progetto nello specifico prevede oltre alla messa in sicurezza e alla mitigazione del rischio idrogeologico della parte di territorio comunale situata in destra idraulica del torrente Rheginna Minor, nel tratto compreso tra via Cesare Carola e via Gerardo Amato in prossimità dell’incrocio con la statale amalfitana anche una serie di interventi. Tra questi la realizzazione di un’arteria viaria (cosiddetta bretella) che, ancorché di modesta lunghezza (circa 190 m), costituisce elemento viario imprescindibile per un incisivo miglioramento della mobilità comunale. «Tale bretella stradale, inoltre, costituirebbe una fondamentale via di fuga e di soccorso considerando che l’intero bacino del torrente Sambuco e quindi del Rheginna Minor è tra le zone a rischio idrogeologico più elevato nella costiera amalfitana» spiega il sindaco Andrea Reale. A questo si unisce la realizzazione di parcheggi pubblici e pertinenziali interrati con accesso dalla costruenda arteria pubblica, in base all’esigenza della collettività (avvertita in misura particolare nei comuni costieri) di disporre di box o posti auto nelle vicinanze del centro urbano a costi ragionevoli. Un’opera, questa, che viaggia parallelamente a quelle previste dalla Regione che proprio tra Maiori e Minori ha deciso di realizzare una variante in roccia. Questa prevede corsie di 3,50 metri e banchine lungo ambo le carreggiate di 1,25 metri e avrà la lunghezza complessiva di 500 metri con la realizzazione di un tunnel naturale di circa 330 metri e permetterà di bypassare il tratto di statale Amalfitana, che verrà riconvertito in un’area dedicata esclusivamente ai pedoni. Tale percorso pedonale permetterà di valorizzare il territorio in termini paesaggistici e, conseguentemente, si configurerà quale ulteriore attrazione turistica. Completerà l’intervento l’installazione di strutture di contenimento dotate di reti paramassi, in corrispondenza degli imbocchi della galleria. Costo stimato dell’opera 9 milioni di euro così come si evince dalla seconda convenzione tra Anas e Regione Campania che prevede la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica, il progetto definitivo, il progetto esecutivo e l’esecuzione dei lavori tra gli abitati di Minori e Maiori, in località Torre Mezzacapo, sottostante l’omonimo castello. E sempre lo scorso luglio si è registrato un nuovo passo avanti dell’iter che porterà alla realizzazione del primo stralcio della Variante di Amalfi-Atrani alla Statale 163. Ovvero la bretella stradale di Amalfi, per la cui progettazione esecutiva è stato bandito dall’agenzia regionale ACaMIR l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura relativi all’intervento. Il bando è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania il 18 luglio. Il termine di scadenza per la presentazione delle offerte è fissato per lunedì 3 settembre 2018 alle ore 12.00.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Amleto

    Relativamente alla realizzazione della galleria Minori-Maiori sottolineo la rischiosità che tale progetto presenta dal punto di vista del deturpamento ambientale, dei vincoli idrogeologici, soprattutto in relazione alla stabilità dei versanti in roccia. Si tratta di timori suffragati anche dai recenti eventi di Genova, per cui la fiducia sulla qualità ingegneristica dell’esecuzione è ridotta ai minimi termini. Si tratta essenzialmente di rendere più sicuro il traffico e il transito di auto e pedoni su un tratto di appena 1,5 km! Propongo la soluzione meno costosa e certamente meno pericolosa! Allargamento del tratto stradale Minori-Maiori mediante l’esecuzione di cordoli e banchettoni a sbalzo. Mi sembra tra l’altro che la tecnica adottata per il tronco Positano-Sorrento sia stata simile. Per il reperimento dei fondi ritengo che non ci sia altra via che quella di rinunciare per un’estate agli eventi chiassosi, alle esplosioni di fuochi artificiali, insomma a ricorrere a qualsiasi forma di risparmio possibile per finanziare un progetto di tale portata. Si tratta senza dubbio di una scelta difficile, il cui presupposto necessario è tuttavia un livello di ragionevolezza che per il momento non si riscontra tra la nostra gente.

  2. Scritto da Giuseppe 1

    Se si inizia ora, ci vorranno dieci anni, se si inizia fra un anno, ce ne vorranno undici.
    Prima si inizia e prima si vedranno i risultati “se si vogliono”.