Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Capri. Stop a canotte, pantaloni corti e sandali per i tassisti. Utilizzino un abbigliamento decoroso

Capri. Nel corso dell’ultima seduta il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità una delibera riguardante l’abbigliamento dei tassisti durante l’esercizio della loro attività lavorativa. Al bando canotte, pantaloni corti e sandali nonostante le alte temperature. I conducenti dei taxi, infatti, dovranno indossare camicie o magliette, pantaloni lunghi fino alla caviglia e scarpe chiuse. A portare la proposta in Consiglio è stato il vicesindaco Roberto Bozzaotre che aveva già manifestato alla categoria dei tassisti la necessità di adoperare un abbigliamento decoroso. In seguito alla delibera è stata introdotta una modifica al regolamento comunale sul servizio taxi, aggiungendo al primo comma dell’articolo 20 la seguente dicitura: “avere durante il servizio abbigliamento decoroso e comunque confacente al servizio pubblico prestato con divieto assoluto, in particolare per gli uomini, di indossare pantaloni corti, canotte e calzature scoperte del tipo sandali”. Il provvedimento ha avuto esecutività immediata e la Polizia Municipale, quindi, ha il compito di vigilare affinché la nuova norma venga rispettata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    A Positano invece i più eleganti sono proprio i driver di taxi, ncc, pulmini e mezzi pubblici.
    Purtroppo invece si vedono tanti (troppi) turisti a torso nudo in giro per le strade e le scale del paese.
    Nonostante le ordinanze.