Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

“PETALI DI ROSE Poesie” di Mario de Laurentiis, ora uscito.

Più informazioni su

Articolo di Maurizio Vitiello – Uscito (f.c.) “PETALI DI ROSE Poesie” di Mario de Laurentiis.

Con animo terso e signorile, dopo tutte le varie vicende umane, che vedono coinvolto un uomo navigato, Mario de Laurentiis, che fu alunno dell’Istituto “Armando Diaz” di Napoli, si è espresso e ha pensato di raccogliere in un libello, un delizioso “pamphlet”, una breve rassegna di suoi scritti poetici, in lingua napoletana e in lingua italiana.
Proprio questa bi-valenza semantica ci racconta di un uomo abitante nell’unica città-mondo del pianeta Terra, che ha pensato di raccogliere un’eredità linguistica, frutto di tutte le convergenze straniere che l’hanno vista o sottomessa o filiale terra di rispondenza regnicola o anche accogliente benigna di flussi turistici e di migrazioni.
Ovviamente, le sue stesure poetiche in napoletano non possono allinearsi a quelle del “maestro cappellaio” Gennaro Esposito, tra i vertici dell’ultima poesia napoletana, il cui “ductus” operativo seguiva itinerari e interrogativi squisitamente sociali.
Mario de Laurentiis intende estroflettere sentimenti semplici; insomma, rendere tracce di un sentire innocente.
Riservare appunti e approfondimenti è lecito e legittimo, meglio se con indizi di riflessione.

Ecco una prima poesia scritta in napoletano:

“‘E cumpagne d’’o Diaz”

Nuje, cumpagne d’’o Diaz
facimme sempre cos’ ’e pazz’:
ce ‘ncuntramme, c’assettamme
e po’ ‘nzieme ce spassamme.

Comm’è bello quanno ‘o juorno
Nuje ce damm’ appuntamento,
ce mettimmo ‘o sentimento,
pure si è vierno è primmavera.

Gioventù passata è ormai,
pe’ fortuna senza guai
mò ce resta ‘a cumpagnia
ch’’a tristezza manna via

Je ve guardo e m’arricordo
‘nu pallone, ‘o bigliardino,
po’ stavamo dint’’o ciardino
miez’ ‘o bosco ’e Capemonte.

Dint’ ‘a classe d’’o Diaz
amme fatto cos’ ’e pazz’;
si ce steva ‘o professore
nun passavano mai ll’ore,
ma quann’era ‘a ricreazione
se vedeva ‘a reazione:
chi arrubbava ‘na marenna,
chi pazziava cu ‘na penna,
chi faceva ‘nu bidone
e chi cantava ‘na canzone.

Oramai ‘a gioventù
Nun putrìa turnà cchiù,
ma ‘e jurnate cu ll’amici
a nuje ce rendono felici.

Ecco una seconda poesia in italiano:

“Nel giardino”

Due cagnolini
giocano a rincorrersi
facendo capriole;

due uccellini,
cinguettando,
si baciano tra i rami;

due amanti,
seduti su una panchina,
dimenticando il mondo.

Da leggere.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.