Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Conversano (BA). Monastero di San Benedetto. “La voce muta del tempo”, retrospettiva con opere di Alba Amoruso.

Più informazioni su

Articolo di Maurizio Vitiello – “La voce muta del tempo” con opere di Alba Amoruso, al Monastero di San Benedetto di Conversano (BA).

La voce muta del tempo,
mostra celebrativa di Alba Amoruso,
si svolgerà presso il:
Monastero di San Benedetto
Via S. Benedetto, 70014 Conversano BA

Tel info: +39 392 6058681
Email: albaamoruso@gmail.com
Web: www.albaamoruso.net

Inaugurazione: Giovedì 3 agosto 2018 ore 19
ESPOSIZIONE 3-11 agosto 2018
Catalogo in Sede

INGRESSO GRATUITO; ORARI: tutti i giorni: 9 -13; 16 -23.

Direzione Organizzativa
Maurizio Marrone

Immagine Coordinata
a cura di
Stefano Ferracci

La conferenza di presentazione alla stampa sarà partecipata da Enzo Quarto, giornalista RAI.

Neoartgallery presenta:
Alba Amoruso La voce muta del tempo
A cura di Giorgio Bertozzi Ferdan Yusufi Alessandra Trapanà

Con il contributo critico e storico di Maria Vinella.

“È interessante come spendiamo tutti i giorni della vita a congedarci, dicendo e sentendoci dire a domani, e, fatalmente, uno di quei giorni, che per qualcuno sarà stato l’ultimo, o non ci sarà più colui a cui lo abbiamo detto, o non ci saremo più noi che lo abbiamo detto.“
Jose Saramago

Maria Vinella, tra l’altro, ha precisato, quanto segue:
“Quella dell’artista Alba Amoruso è stata una ricca produzione artistica che ha attraversato numerose fasi espressive: dalla fase del naturalismo favolistico alla fase dell’astrattismo lirico, alla ricerca figurativa dai connotati simbolisti, sino all’ultimo decennio dedicato alle tematiche ambientaliste e alle visioni del degrado urbano contemporaneo. Tecniche privilegiate sono la tempera e l’olio, rielaborate in maniera personale tramite una stratificazione ottenuta per sottrazione della materia cromatica a mezzo di panni e spugne, raschi e strofinature. La resa visiva delle opere mostra una realtà soggettiva, dalle forme accennate e dal colore debordante, dove ogni cosa si sgretola lasciando affiorare ricordi e impressioni. Con filamenti e velature, colature e gocciolature i dipinti celebrano la luce. Luce che illumina le città infiammate, le architetture allagate, le ombre arse dell’energia vitale delle cose, le distorsioni spazio-temporali, le figurazioni alterate, i paesaggi sfocati. Quinte iconografiche distorte e scenografie artificiose riflettono una narrazione emotiva che lascia presagire le oscure allusioni a un futuro molesto”.

Esposizione da vedere.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.