Atletico Madrid su Arias -visite mediche domani per youssouf sabaly ha 25 anni

Entrambi sono scesi in campo a russia 2018
Santiago Arias è arrivato in europa nel 2011 (Sporting Lisbona). Nel 2013 va al Psv. Ha giocato 45 gare con la Colombia, 4 da titolare a Russia 2018.
Youssouf Sabaly ha 25 anni, è francese ma gioca per il senegal. nasce nel psg. è al Bordeaux da agosto 2016
Punto sulle trattative. E dunque il primo nome, Santiago Arias: arriva al Napoli? «Sì, siamo proprio ai minuti…». E poi si blocca, Aurelio De Laurentiis. Non completa la frase. E quel sospeso lascia un senso d’incompiuto che converge nella seconda precisazione: «Il fatto, però, è che simultaneamente stiamo trattando anche un altro profilo». È Youssouf Sabaly? «No». E invece pare proprio di sì: tant’è che l’esterno del Bordeaux, bocciato dal presidente fino a qualche giorno fa perché definito «rotto», sarà visitato domani. Già: fissato per lui un controllo medico, così da valutare lo stato del ginocchio incriminato e capire se poi affondare il colpo per un giocatore ritenuto jolly delle fasce, e dunque prediletto da Ancelotti considerando i tempi di recupero di Ghoulam, o se ufficializzare Arias.

CHE INTRIGO. E allora, l’ennesima giornata di mercato. Di un rompicapo che negli ultimi giorni, tra aperture e chiusure, notizie e smentite, sta regalando momenti degni delle spy story di John le Carré. Però in salsa napoletana. E poi colombiana e franco-senegalese. Che caos. Un labirinto che merita un pizzico di ordine. A cominciare dal capitolo Arias: «Gli abbiamo dato l’autorizzazione a trattare con il Napoli: probabilmente andrà via», le dichiarazioni rilasciate martedì sera dal tecnico del Psv, Van Bommel. Poi, le parole di De Laurentiis ieri a Kiss Kiss Napoli. Domanda: il giocatore è in arrivo? «Vero. Siamo proprio ai minuti…». Conclusivi, finali: per un totale di 11,5 milioni al club olandese e un quinquennale da 1,6 milioni al giocatore. «Simultaneamente, però, stiamo trattando anche un altro giocatore nello stesso ruolo…».CONTROLLO SABALY. Altro sospeso e via: di corsa verso il controllo medico a cui domani sarà sottoposto Sabaly, esterno del Bordeaux che il club azzurro aveva scelto dopo la fine della trattativa con il Salisburgo per Lainer, e che qualche giorno fa De Laurentiis aveva escluso definendolo: “Rotto”. Per un problema al collaterale di un ginocchio che, secondo il club francese, non sarebbe per nulla grave: tant’è che a supporto sono stati anche inviati i risultati di una risonanza. Al Napoli, però, non basta come rassicurazione: legittimo. Ed ecco l’idea di sottoporre il collega di nazionale di Koulibaly a una visita specialistica: programmata per domani

PORTIERE E DIFENSORI. Per il resto, il portiere: «Entro il 10 agosto prenderemo un terzo, ma ho la necessità di salvaguardare Meret: vediamo se sarà uno tra Ochoa e Bardi, il cui manager è in arrivo a Dimaro». In uscita, oltre a Grassi, molto corteggiato è anche Tonelli: «Su di lui ci sono Samp, Bologna e Cagliari». Trattative a parte, De Laurentiis fa anche un resoconto su Ancelotti: «È vero che gli piacciono molto Milik e Ounas, ma lui è innamorato di tutta la squadra. Non fa altro che dirmi: che bel gruppo». E ancora. «La partita con il Liverpool ci darà le prime indicazioni». A Dublino, il 4 agosto. Tra nove giorni: un tempo che potrebbe essere necessario a chiudere la questione del rinnovo di Koulibaly. «Lui un contratto già lo ha, ma stiamo parlando come si fa tra amici». Carissimi amici.

Commenti

Translate »