Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

ATENE, OLTRE 100 MORTI A CAUSA DEGLI INCENDI: “COME IL VESUVIO A POMPEI”. VICINI AI NOSTRI FRATELLI GRECI

Più informazioni su

Un vero e proprio inferno si è scatenato nella serata di ieri ad Atene. La capitale della Grecia è letteralmente sotto scacco dagli incendi. Le fiamme si sono espanse dalle pinete che circondano la splendida città e stanno distruggendo tutto quello che trovano dinanzi. Fino a qualche ora fa si parlava di 60 morti accertati, ma diverse fonti sul posto parlano di almeno 100 morti. I feriti sarebbero quasi 600. Cifre allucinanti che lasciano ben comprendere il disagio sconcertante che stanno vivendo i cittadini e tutti coloro che sono presenti in loco.

Purtroppo sono coinvolti anche diversi bambini: si parla di almeno una quindicina che versano in gravi condizioni. Le abitazioni distrutte sarebbero centinaia, alcuni parlano di 1500 case andate in fiamme. Sembra che il maggior numero di vittime sia stato accertate nelle località turistiche e balneari: nella giornata di oggi è stata fatta una scoperta scioccante, ovvero, un gruppo di 26 persone carbonizzate in un cortile di una villa a Mati. Una testimone avrebbe dichiarato: “Mati non esiste più, nemmeno come insediamento, ho visto cadaveri, auto e case bruciate, sono fortunata ad essere ancora viva”. La guardia costiera avrebbe trovato anche alcune donne e bambini abbracciati, carbonizzati. Alcuni testimoni hanno paragonato la vicenda a Pompei, quando venne devastata dal Vesuvio nel 79 d.C.

La maggior parte dei turisti sopravvissuti sta scappando verso la costa. Intanto, lo stesso governo greco ha ovviamente dichiarato stato di emergenza e chiesto aiuto a diversi paesi europei, come la Spagna. Il presidente Conte ha pubblicato un tweet in merito: “Profondamente scossi per la morte di tante persone, l’Italia si stringe attorno alla popolazione greca e si è già attivata mettendo a disposizione due canadair”.

Noi non possiamo fare altro che far sentire la nostra vicinanza ai fratelli greci in questo momento tanto tragico e terribile. Noi, che abbiamo avuto a che fare con una forza tanto brutale come quella del fuoco soltanto un anno fa, con conseguenze sicuramente meno tragiche da un punto di vista di perdite di vite umane, ma che ci ha fatto sentire impotenti allo stesso modo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.