Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Amalfi, l’Associazione Professionisti della Costiera boccia completamente il PUC

Più informazioni su

Nella giornata di oggi l’Associazione Professionisti della Costiera Amalfitana ha diramato un comunicato in cui spiega dettagliamente perché il PUC (Piano Urbanistico Comunale) che è vicino all’approvazione definitiva da parte del Comune di Amalfi è sbagliato in molti dei suoi punti.

Secondo l’associazione, infatti, se approvato, il Piano rappresenterebbe un passo indietro e non in avanti.

Riportiamo qui di seguito il comunicato ufficiale in cui viene spiegato il tutto in maniera dettagliata:

Piano urbanistico comune di Amalfi: piano di sviluppo o piano di “inviluppo”?
L’A.P.C.A. non parteciperà in segno di protesta, all’incontro pubblico che si terrà oggi al salone Morelli per discutere del tanto atteso PUC (il vecchio Piano Regolatore per i non addetti ai lavori) adottato già dall’attuale amministrazione e che sta per intraprendere l’iter di approvazione definitiva.
Sono stati mesi di lavoro e confronto tra l’Associazione professionisti ed il prof. Colombo, redattore del PUC che hanno portato a un nulla di fatto: abbiamo inviato osservazioni, aiutato alla redazione del RUEC (regolamento edilizio comunale), partecipato ad incontri e riunioni, ma tutte le problematiche da noi segnalate sono rimaste senza risposta.
Tanti problemi che la gente vive sulla propria pelle resteranno tali, anzi forse il regime vincolistico sarà ancora più stringente dopo l’approvazione di questo PUC
Nulla di quanto proposto da noi tecnici, che ricordiamo essere gli interlocutori principali tra i cittadini e l’amministrazione, è stato recepito.
Per un territorio di pregio come quello di Amalfi non possiamo accontentarci di un piano generico, abbiamo bisogno di un prodotto sartoriale che venga cucito addosso al territorio che cerchi di risolverne le criticità e ne enfatizzi le peculiarità.
Il PUC adottato già dall’attuale amministrazione non chiarisce in alcun modo quali saranno gli “assi di sviluppo” verso i quali si muoverà il territorio, quali le zone da salvaguardare, quali quelle da destinare alla richiesta crescente di fabbisogno abitativo residenziale, quali da destinare alle varie attività commerciali del centro storico e artigianali nelle frazioni, e quali opere strategiche siano state previste per guidarne lo sviluppo.
Alcuni esempi:
Il PUC congela in massima parte l’intera l’attività edilizia in attesa della futura (???) redazione dei PUA, consentendo la sola manutenzione ordinaria e il consolidamento statico e di fatto sospendendo “fino a data da destinarsi” la manutenzione straordinaria (vietati i frazionamenti, vietati gli accorpamenti, vietata la manutenzione non ordinaria delle strutture turistico, alberghiere ed extra alberghiere, vietata la realizzazione dei locali tecnologici, delle piscine e dei garage ecc. ecc.), Semplicemente Assurdo.
Che dire poi delle zone a vocazione agricola che il Piano congela impedendo qualunque sorta di trasformazione a vantaggio del loro recupero. Alcune zone in cui anche il PUT lasciava la possibilità di interventi edilizi vengono trasformate in zone inedificabili. Chi conosce il territorio sa che la stragrande maggioranza di terrazzamenti sono lasciati all’incuria e che i limoneti, se non aiutati da altre attività anche a vocazione turistica, hanno un’unica prospettiva: l’abbandono!
Non viene affrontato il problema della prima casa che è sulla pelle di tante famiglie. Solo 190 alloggi non precisamente inquadrati non possono rappresentare la risposta a simile problema. In Comuni a noi vicini sono previsti dei Piani di edilizia Economica e Popolare da destinare ai giovani che pensano di acquistare una casa per la propria famiglia.
Ad Amalfi come unica risposta, oltre ai 190 alloggi, viene proposto un fantomatico blocco delle licenze turistiche senza considerare la naturale vocazione del nostro territorio. Anacronistico!
Molte sono anche le incongruenze rilevate da una lettura delle cartografie allegate al PUC: parcheggi a raso per pullman in zone interne al centro storico, uffici pubblici nel quartiere San Giuseppe a duecento gradini dalla strada, tabelle e cartografie incomplete e per ultimo e non da ultimo la scomparsa del Cimitero di Pogerola!
Per queste ed altre considerazioni noi diciamo NO a questo strumento di gestione del territorio che così redatto ne pregiudicherà sviluppo presente e futuro.
A noi non interessa “un piano urbanistico”, noi vogliamo “il piano urbanistico” che risolva i problemi della comunità senza crearne altri.
Presenteremo come previsto per legge, ancora una volta, le nostre osservazioni all’Amministrazione nella speranza che vengano condivise e non sottovalutate.
Non vogliamo un “piano a tutti i costi”, non ci interessa, preferiamo a questo punto rimanerne senza in attesa di un piano di sviluppo del territorio e non di “inviluppo”.
Sarebbe auspicabile in ultimo un piano di sviluppo sovracomunale considerato che in alcuni comuni limitrofi si sta già lavorando per l’aggiornamento o la redazione dei rispettivi PUC e proponiamo un tavolo unico di concertazione sul quale assumere le linee guida per la gestione integrata dell’intero territorio costiero con una visione più ampia ed unitaria di problematiche e soluzioni.
Buon lavoro a tutti
L’APCA

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.