Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Amalfi, fuochi d’artificio in tarda serata: i cittadini non ci stanno. “Seguiamo l’esempio di Ravello”

Fuochi d’artificio in tarda serata e i cittadini di Amalfi manifestano la propria rabbia. Nella serata di ieri sono stati esplosi diversi fuochi pirotecnici intorno tra le 23,30 e mezza notte. Secondo alcuni testimoni, questi sarebbero partiti da un locale che è situato nella frazione di Lone e da un altro noto albergo del posto.

I cittadini di Amalfi, sui gruppi social dedicati, hanno manifestato tutto il loro dissenso a questa pratica che a detta di molti è purtroppo molto frequente. “Questa volgare consuetudine, che, ormai, è in atto da alcuni anni, disturba la quiete della notte Amalfitana, che dovrebbe seguire al bailamme ed ai frastuoni del giorno – scrive qualcuno – Da chi mai saranno stati autorizzati questi esercizi a fare esplodere i suddetti fuochi in ossequio delle norme severe vigenti in materia?”.

E così, in tanti invocano la soluzione adottata dal sindaco di Ravello, Salvatore Di Martino, il quale ha emanato una delibera attraversa la quale ha vietato su tutto il territorio, per tutta la stagione estiva, l’accensione, il lancio e lo sparo di fuochi d’artificio dl ogni genere in occasione delle feste private. Tra le motivazioni che hanno spinto a tale provvedimento, ricordiamo non solo il disagio e disturbo per la quiete pubblica, in particolar modo verso i turisti, ma anche il pericolo di incendi in condizioni di siccità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.