Sorrento, assolti due uomini accusati di aver depositato rifiuti pericolosi in un’area di Pompei

Due uomini residenti a Sorrento, proprietari di una ditta di materiali elettrici con sede a Pompei, erano stati accusati nel 2014 di aver depositato e abbandonato rifiuti pericolosi in un’area periferica di Pompei (Via tre ponti). Ora, a distanza di quattro anni, è giunto il verdetto del Tribunale di Torre Annunziata: il Giudice Crasta  difatti ha assolto i due uomini, difesi dal Penalista sorrentino Avvocato Luigi Alfano, perchè non punibili per la particolare tenuità del fatto. L’Avvocato Alfano difatti è riuscito a dimostrare, tramite perizia, la non pericolosità dei rifiuti nonchè l’assenza totale dell’elemento psicologico del reato, non trattandosi di delitto. Grande la soddisfazione del penalista sorrentino “è una grande vittoria, la prima in Italia in materia di rifiuti”.

Commenti

Translate »