Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Costiera Amalfitana, 17 arresti nel blitz antidroga: segue la mega operazione di due anni fa

Gli indagati dalla Procura di Salerno sono quarantacinque, di cui cinque minorenni: alcuni sono a piede libero

La mega operazione antidroga, che stamattina ha svegliato la Costiera Amalfitana, ha condotto all’arresto di 17 persone. Il procuratore aggiunto della Procura di Salerno, Luca Masini, nella conferenza stampa di stamattina ha reso noto i dettagli dell’indagine: ad illustrare l’“Operazione Rewind” c’erano anche il procuratore del tribunale dei minori, Patrizia Imperato, il comandante provinciale dei carabinieri di Salerno, colonnello Antonino Neosi, e dal capitano Roberto Martina comandante della compagnia di Amalfi.

rewind operazione costiera amalfitana

Gli indagati dalla Procura sono 45, di cui 40 maggiorenni, ed attualmente sono 22 i destinatari della misura cautelare, mentre altri si trovano a piede libero. Le ordinanze cautelari sono state emesse al termine di un’indagine condotta dai militari del nucleo operativo della compagnia di Amalfi, guidati dal maresciallo Antonio Picciariello, e dai colleghi della stazione di Maiori, coordinati dal luogotenente Giuseppe Loria. Il bilancio di questa grossa retata da parte dei carabinieri è stato di 17 arresti, con 4 persone trasferite in carcere ed i restanti 13 sottoposti agli arresti domiciliali. L’obbligo di firma presso le forze dell’ordine è stato varato invece per cinque persone.

I giovani fermati ed arrestati sono di Maiori, Ravello, Tramonti, Minori, Amalfi e Atrani: alcuni degli indagati in questo procedimento procedimento penale, sarebbero stati invischiati nell’altra grande operazione messa in campo due anni fa dai militari dell’arma, ovvero l’operazione “Oasi Felice” dell’aprile 2016. E’ stato proprio dalla precedente attività investigativa che è stata eretta la nuova inchiesta, che ha portato ulteriori elementi della precedente.

Un preoccupante fenomeno di spaccio e consumo di stupefacenti ha preso piede tra i giovani e giovanissimi della Costiera Amalfitana: molti consumatori finali si annidavano soprattutto tra i minorenni. Nel contendersi questo mercato, tra gli spacciatori della costa non sono mancati episodi di estorsione e violenza: nelle indagini della Procura della Repubblica di Salerno, nel febbraio del 2016 a Maiori c’è stato persino un episodio di minaccia con la pistola tra indagati, ed oggetto della violenta discussione c’erano proprio i confini delle zone di spaccio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.