Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

NOTRE NAPLE DELL’IC “GEMELLI” DI SANT’AGNELLO

Più informazioni su

Anche quest’anno gli alunni delle classi quinte di tutti i plessi dell’IC “Gemelli” di Sant’Agnello, a conclusione del loro progetto teatrale tenuto dalla compagnia “La Zeza”, si sono cimentati nella realizzazione di una favola musicale “NotreNaple”, andata in scena il 25 maggio al Teatro delle Rose.

La favola trasporta il Gobbo di Notre Dame, Quasimodo, nella Napoli di fine ‘700. Quasimodo, nato storpio e malformato, qui a Napoli è il figlio segreto di Carlo Borbone, che alla nascita viene fatto credere morto e, per la sua natura sgraziata, viene rinchiuso nel Duomo di Napoli, affidato alla custodia dello spietato e potente usuraio Frollo, che in cambio viene nominato cardinale. Quasimodo, dunque, era il legittimo erede al trono, ma nessuno avrebbe mai dovuto saperlo. La storia si svolge il giorno della festa di San Gennaro. Quasimodo, depresso per la sua condizione e la sua solitudine, viene esortato dalle statue di San Gennaro, Sant’Antonio e Santa Lucia, che la sua mente anima, a partecipare alla festa, dove incontrerà ‘a Smeralda, una giovane e bellissima lazzara. Quasimodo si innamora di ‘a Smeralda che però ama, ricambiata, Febo, il capo delle guardie. Quasimodo osteggia questo amore fino a mettere in pericolo la vita della lazzara, ma poi immolerà la propria vita per salvarla. Quasimodo, che per il popolo è “ ‘o scugnat c’o pizzo” riconquista l’onore e, grazie a questo, i figli di Napoli non saranno più definiti in modo dispregiativo “lazzari”. Nascerà così il termine “scugnizzi”.

I bambini hanno lavorato per l’intero anno scolastico sul copione della storia, si sono improvvisati attori, ballerini, cantanti con la loro semplicità e schiettezza.

Un grazie particolare va al Dirigente Scolastico dott. Maria Pagano, che, come sempre, ha sostenuto ed incoraggiato il Progetto Teatro. Le coreografie sono state curate dal maestro Patty Schisa, alla quale va un plauso particolare. Notevole è stato l’impegno delle famiglie che hanno collaborato nella realizzazione dei costumi, nella ricerca di sponsor e tanto, tanto altro. Grazie agli sponsor che ancora una volta hanno sostenuto le iniziative dell’ IC “Gemelli”. Un grazie a tutto il personale docente e non docente. Un vecchio detto recita: “ L’unione fa la forza” e NotreNaple è il risultato di un lavoro corale tra adulti e bambini, scuola e famiglia, scuola e realtà del territorio: la forza dell’IC “Gemelli” di Sant’Agnello.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.