Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Nasce l’associazione “Nicola Marra”, ragazzo morto a Positano: “Prevenzione e sorveglianza”

Sta per nascere l’associazione “Nicola Marra“, ispirata al ragazzo napoletano che ha perso la vita a Positano la vigilia di Pasqua dopo una serata in discoteca.  Una vicenda scioccante che ha visto noi di PositanoNews scendere in prima linea per cercare dettagli che potessero essere utili alla ricostruzione degli ultimi momenti di vita di Nico e, dapprima, nella sua spasmodica ricerca, quando non si era ancora a conoscenza della sua tragica sorte.

Una morte assurda della quale non si faranno mai capaci i genitori Maria Teresa e Antonio. Proprio i genitori di Nico hanno deciso di concretizzare la realizzazione di una serie di iniziative per far sì che una cosa del genere non accada mai più: “Prevenzione e sorveglianza  ma anche sensibilizzazione nei confronti degli stessi giovani -hanno dichiarato Maria Teresa ed Antonio durante un convegno- devono capirlo bene che quando si perde il controllo tutto può succedere”.

Proprio durante il convegno contro droga, alcol e bullismo a cura di Patrizia Gargiulo, è stata annunciata la creazione dell’associazione.  Queste le parole della Gargiulo: “Andiamo avanti in questa battaglia per la legalità abbiamo il dovere di proteggere i nostri figli e pretendere il rispetto delle regole”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe 1

    Mi piacciono tanto le parole della Gargiulo: “Andiamo avanti in questa battaglia per la legalità abbiamo il dovere di proteggere i nostri figli e pretendere il rispetto delle regole” e delle promesse, aggiungo io.