Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Napoli,Rui Patricio il portiere del futuro

Più informazioni su

La virata della dirigenza azzurra dopo che l’intesa con Leno sembra essere definitivamente saltata
Una vita a Lisbona Il portiere portoghese 30 anni è cresciuto nelle giovanili dello Sporting per poi difendere i pali della prima squadra per dodici stagioni a partire dal 2006

Il portoghese Rui Patricio portiere dello Sporting e della nazionale è diventato la prima scelta del Napoli Con lo Sporting Lisbona la trattativa è ormai nel vivo: venti milioni richiesti per il cartellino

Conquista la Coppa di Lega portoghese, settimo successo con la squadra di club

L’esordio con la Nazionale lusitana a novembre nella partita amichevole contro la Spagna

Contribuisce a vincere l’Europeo. In finale battuta la Francia, Paese ospitante, ai supplementari

Il debutto con la maglia biancoverde il 19 novembre 2006. In quell’anno vince la Coppa del Portogallo

6 di Champions Nello stesso girone di Juve Barcellona e Olympiacos

2 I gol subiti nella gara d’andata contro l’Atletico Madrid che hanno escluso lo Sporting dall’Europa League, visto l’1-0 di Lisbona

33 Le partite disputate da Rui Patricio nel campionato portoghese in corso: quattro ammonizioni

Mani in alto: ed è arrivato, praticamente, il momento delle scelte, lanciandosi nel mercato e affrontandolo senza freni, aspettando che sia tutto consentito, però provvedendo a portarsi un po’ di lavoro avanti, ascoltando i protagonisti dell’estate e comunque muovendosi (lecitamente) nella penombra. C’è una porta spalancata, ma realmente, e gli spifferi indicano la strada, invitano a seguire il vento, ad annusare l’aria: perché adesso, in questo preciso istante, Rui Pedros dos Santos Patricio (30 compiuti a febbraio), sembra essersi catapultato nell’area di rigore, per chiudere qualsiasi dualismo, per uscire dal ballottaggio, per suggerire al Napoli di passare alla fase-2, quella della trattativa con lo Sporting Lisbona.

LA SCELTA. E dopo settimane e mesi di analisi approfondite, di relazioni accatastate, di missioni speciali tra la Germania e il Portogallo, Rui Patricio si è sistemato dinnanzi a Leno (26), per un bel po’ il principale favorito per raccogliere l’eredità di Reina, ed è diventato il portiere sul quale il Napoli si tufferà per cercare di concludere una trattativa non semplice ma neppure impossibile: la scelta è fatta, con quel curriculum vitae rassicurante (464 partite con lo Sporting Lisbona, 68 in Nazionale; Campione d’Europa in Portogallo e un po’ di coppe conquistate in casa) e una personalità schiacciante che è servita per dare l’ultima spallata al ballottaggio con il tedesco. Rui Patricio è il profilo che ha messo tutti d’accordo (De Laurentiis, Giuntoli, Chiavelli e Sarri), ma che richiederà pazienza in questo braccio di ferro con lo Sporting Lisbona in cui ballano un bel po’ di milioni di euro (chiesti più di venti): ma il Napoli e il portiere hanno già un «patto», favorito dai rapporti di assoluta amicizia con Jorge Mendes, e il quinquennale da due milioni netti (che lordi fanno quattro) a scalare sembra assai più di un orientamento.

IL PERCHE’. Ma c’è stato un momento in cui Bernd Leno è stato seriamente vicino al Napoli, con chiacchierate prolungate tra il management del calciatore e De Laurentiis: la complessità dell’operazione, resa complicata (sembra) da una clausola con una serie di oscillazioni, è divenuta pregiudiziale. E Leno e il Napoli sin sono allontanati, definitivamente (?), con la certificazione concessa attraverso la Bild da Uli Ferber, agente del calciatore: «Confermo le trattative ma posso dire che abbiamo rinunciato: Napoli non è più un’opzione per noi». Al resto ha provveduto il rendimento elevato di Rui Patricio, il suo desiderio di rimettersi in gioco in Italia, una maggior naturalezza con i piedi; ma siamo nella fase centrale di una vicenda che si prenderà la scena per un po’.

E POI. Sui portieri il Napoli dovrà dedicarsi a lungo, perché il 30 giugno andrà in scadenza il brasiliano Rafael e perché Sepe vorrebbe avere la possibilità di giocare, dopo due anni di panchina che ormai gli dà noia: Giuntoli e Mario Giuffredi, il procuratore del ventiseienne di Torre del Greco, affronteranno la questione tra qualche settimana, partendo dalle considerazioni più recenti del manager: «Gigi ha bisogno di quella continuità che nell’ultimo biennio non ha potuto avere e dunque penso che al 90% vada via». Ma l’organico avrà bisogno, comunque, di un «terzo» e sul profilo da inseguire ci sarà modo e tempo per riflettere: un anno fa, e di questi tempi, il Napoli ci provò con l’Atalanta per Boris Radunovic (22 anni tra qualche settimana), che ha vissuto una stagione niente male con la Salernitana e che rimane nel data base di Castel Volturno, nel quale ci sono anche Rok Vodisek dell’Olimpia Lubiana (20 anni a dicembre) e Alban Lafont (19 compiuti a gennaio) che invece del Tolosa è il titolare. Però, baby, son tutti all’ombra di Rui Patricio…

DALL’IRAN. Poi si penserà al resto, a inseguire tracce del passato: Alireza Jahanbakhsh (25 ad agosto) iraniano dell’Az, seguito un anno fa, con Rashica, quest’anno è arrivato a 22 gol in Olanda e 14 assist, e continua a piacere, forse anche di più. Però prima ci sono i portieri…

fonte:corrieredellosport

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.