Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Millesimato a tutto pasto: ecco come usarlo per ogni occasione

Negli ultimi anni il vino millesimato ha assistito a un vero e proprio successo di critica e di pubblico, che lo apprezza in un numero di occasioni sempre crescente. All’interno del nostro approfondimento vedremo come abbinare al meglio i vini millesimati a tutto pasto.

Millesimato: un termine di moda
Anzitutto è necessario operare una dovuta precisazione per quanto riguarda il termine vino millesimato, che viene spesso utilizzato a sproposito in virtù del fatto che questo tipo di vino gode di una fama sempre crescente. Per vini millesimati si intendono tutti quei vini ottenuti con sole uve raccolte e trasformate in una specifica annata. La dicitura viene generalmente indicata in etichetta al fine di informare il consumatore più consapevole riguardo alle caratteristiche fisiologiche dell’uva da cui è stato ricavato il vino che si trova davanti.
È importante capire infatti l’origine di questo termine, che oggi vediamo utilizzato un po’ dovunque senza che però vi sia una reale consapevolezza. Sono tanti infatti i consumatori convinti che “millesimato” sia semplicemente un aggettivo, quando invece rappresenta una precisa scelta enologica.

Millesimati: i vini più versatili?
Il metodo classico rappresenta una risposta elegante sia alla produzione vitivinicola francese, sia alla crescente diffusione del Metodo Martinotti (noto anche come Metodo Charmat), che ha sin dalla sua introduzione un ruolo estremamente importante nel panorama enologico italiano.
La passione per questo tipo di lavorazione diventa evidente anche in bottiglia: un millesimato di metodo classico è un prodotto che non solo rispetta determinate caratteristiche fondamentali, bensì presenta una notevole raffinatezza al palato.
Il metodo classico, al contrario di vini più facili e con una percentuale zuccherina più elevata, risulta un vino complesso ed elegante e nelle sue espressioni migliori, quelle dei vini millesimati, rappresenta una vera espressione di pregio che può valorizzare all’istante qualsiasi pietanza.

Millesimato è sinonimo di aperitivo
Un vino millesimato realizzato con un metodo classico avrà alcuni matrimoni d’amore migliori in cucina, quelli per cui gli abbinamenti risultano immediatamente più riusciti e validi. Contrariamente a quel che si potrebbe pensare però, questi abbinamenti non si limitano di certo al momento dell’aperitivo.
Certo, è forse proprio all’inizio del pasto che il vino millesimato si esprime al meglio delle proprie potenzialità, per almeno due ragioni ben distinte. Anzitutto, nel momento in cui ci si ritrova con gli amici per prendere un aperitivo o si festeggia assieme qualcosa, il ruolo del vino è assolutamente protagonista e il cibo è quasi un accompagnamento. Questo fattore permette di gustare le caratteristiche del vino un po’ come se fosse in purezza, come farebbe un sommelier in fase di degustazione. L’altra ragione si ritrova nei tipici piatti o stuzzichini che vengono serviti durante un aperitivo: che si tratti del classico antipasto all’italiana ricco di salumi e giardiniera, oppure di eleganti vol-au-vent ripieni di sfiziose creme di erbette e pesce, tutti i cibi offerti al momento dell’aperitivo si sposano alla perfezione con il vino millesimato metodo classico.

Vini millesimati: con quali pietanze si sposano al meglio? 
Nonostante le bollicine dei millesimati siano perfette per dare il via alle celebrazioni durante i momenti dell’aperitivo, esse sono ideali anche per proseguire e accompagnare il pasto nella sua interezza.
Prendendo in esame i primi piatti, i vini millesimati si sposano alla perfezione con dei delicati risotti a base di pesce o verdura, con dei profumati piatti di pasta dove sia presente un elemento cremoso e possibilmente non troppo coprente oppure, infine, con una pasta risottata nella quale esista un elemento di grassezza al quale le bollicine del vino millesimato fanno da contraltare ideale.

E la pizza? Fino a qualche anno fa sarebbe sembrato quasi assurdo paragonare uno dei piatti più popolari – in tutti i sensi – della nostra tradizione gastronomica, la pizza, con un’espressione enologica, il vino millesimato, che spesso si associa a contesti molto raffinati. Eppure, questi due elementi sono andati sempre più avvicinandosi nel corso degli anni, fino a incontrarsi in una perfetta esplosione di gusto.
Basti pensare ad esempio alla pizza gourmet, in cui la lavorazione sapiente e lunga dell’impasto e la ricerca sulla materia prima delle farine, che sono molto spesso di tipo “speciale”, si accompagnano a ingredienti estremamente ricercati. Ecco che una pizza gourmet diviene un vero e proprio piatto di alta ricerca gastronomica, che si accompagna perfettamente con un calice di vino millesimato. Ideali sono ad esempio gli accostamenti con pizze gourmet nelle quali ritroviamo protagonisti burrata e acciughe o colatura di alici.
Infine, non può mancare un cenno ai secondi. Per delle meravigliose insalate a base di polpo o delle fritture di paranza, l’abbinamento con il vino millesimato è ormai un vero must.

I vini millesimati Ferrari Trento
Per accompagnare i tuoi pasti con un buon calice di millesimato, Ferrari Trento offre proposte diverse e di grande eccellenza. Ferrari Trento come etichetta ha origine agli inizi del ventesimo secolo, precisamente nel 1902. Grazie alla visione di Giulio Ferrari, che ambiva a ricreare in Trentino il luogo d’elezione per una produzione enologica in grado di tenere testa alla champagneria francese, inizia una storia familiare che passa attraverso la diffusione del vitigno Chardonnay in Italia. L’azienda, da più di mezzo secolo sotto la guida della famiglia Lunelli, esporta le proprie bottiglie in tutto il mondo, facendosi interprete di una tradizione fortemente legata al territorio.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.