Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Governo politico: Di Maio e Salvini chiedono altre 24 ore di tempo a Mattarella

L’annuncio di un Premier neutrale da parte del Colle e l’attuale impraticabilità delle elezioni, hanno forzato la situazione politica verso la costituzione del futuro esecutivo. Lega M5S hanno fatto pervenire stamane una nota al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in cui si chiedono altre 24 ore per riaprire la partita sulla configurazione di un governo politico. Come si è detto, Matteo Salvini non gradisce l’idea che il Capo dello Stato debba affidare l’incarico per il Governo “di servizio”, quindi vuole provarci fino alla fine con il leader dei pentastellati Luigi Di Maio.

Vertice Salvini-Di Maio

Il leader della Lega prova a ripartire dalla prima soluzione del giro di consultazioni, ed è speranzoso oltre che ottimista sul raggiungimento di un accordo con il M5S. Più pacato e scettico Luigi Di Maio che invece punta ad una configurazione di governo con al massimo due partiti, anche se dice di non porre alcun veto ad un governo del cambiamento e come la Lega dice no al governo neuro. Di Maio inoltre stila una graduatoria dei politici più responsabili della situazione di stallo, affermando che Silvio Berlusconi è il meno responsabile di Salvini e Renzi.

Apertura a Berlusconi?

Il capo politico dei pentastellati si sbottona un po’ sull’ex Cavaliere, complice anche le trame che si stanno tessendo dietro le quinte. Di Maio afferma che il vero tema è trovare la quadra su un governo del cambiamento e non guardare a Berlusconi, che invece resta il riferimento sia per Matteo Renzi, che ha sabotato le trattative condotte da Martina, che per Salvini. Tra l’accordo per un governo politico e il voto estivo, non c’è altra scelta.

Forza Italia dice no all’appoggio esterno, Fratelli d’Italia più morbido

Dopo le dichiarazioni shock della Biancofiore sul voto estivo, che determinerebbe una solida vittoria al Sud per il M5S, nel partito azzurro ci sono visioni contrastanti, nonostante l’indisponibilità verso un appoggio esterno: il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, si dice d’accordo con Mattarella ma auspica un voto a settembre e non in estate, più soft il governatore della Liguria Giovanni Toti, che auspica una benevolenza critica verso un esecutivo M5S-Lega, che avrebbe i numeri secondo Toti, ma non otterrà la fiducia da parte di Forza Italia. In casa Fratelli d’Italia c’è invece una convergenza verso il governo del cambiamento, tra le tante personalità è proprio Edmondo Cirielli ad indirizzare la compagine di destra, verso un esecutivo con i grillini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.