Quantcast

In cinque per la alvezza -Zenga a Napoli per vincere

L’impresa è ardua, lo sanno tutti, perché non solo il Crotone deve vincere sul difficilissimo campo di Napoli, ma contemporaneamente una delle altre pretendenti alla salvezza dovrà compiere un passo falso. Difficile, quasi impossibile, eppure a Crotone ci credono tutti, ci credono i quasi quattrocento che seguiranno la squadra, ci crede anche Walter Zenga: «E’ una partita difficile, contro una squadra che ha quasi vinto il campionato. La mia capacità deve essere quella di tenere la squadra in partita, perché potremmo anche noi fare un miracolo. L’unica cosa su cui dobbiamo basarci è la nostra forza. Domenica scorsa a fine gara contro una corazzata come Lazio quando ho visto gli altri risultati ho detto ‘cavolo hanno vinto tutte’. Non l’ho detto con la malizia di chi pensa a cose sbagliate».

RECRIMINAZIONI. Il Crotone però rischia di portarsi dietro il fardello dei due punti letteralmente tolti per la mancata vittoria contro il Cagliari con un gol netto annullato e Ceccherini che non è parso tale solo ai giudici di gara: «I due punti persi con il Cagliari pesano, alla fine ti cambiano il campionato. Un episodio di quella importanza a partita praticamente finita, indirizza il campionato. Resteremo nella storia come la prima squadra che nell’anno del Var ha subito un episodio che sarà portato come esempio di Var sbagliato». Analizza poi il campionato del Crotone con lui alla guida: «Abbiamo fermato Inter, Juventus, Atalanta, Lazio. Quando arrivi in un club ed entri in simbiosi con città, società, gente è normale trascorrere delle notti in bianco perché ti chiedi sempre come avresti potuto fare un punto in più. Abbiamo fatto 23 punti dalla quindicesima di campionato. La proiezione è quaranta. Abbiamo sbagliato due sole gare, a Firenze e Torino, non siamo mai stati in partita, ma per tutto quello che abbiamo fatto qui a Crotone io ho avvertito l’entusiasmo crescente della gente. Io sono veramente sul limite di un esaurimento nervoso perché ho visto il lavoro che abbiamo fatto, ho visto la crescita in questi mesi della squadra». Non nasconde che a Crotone è stato più che bene: «Resterei, ma ora siamo tutti concentrati su questa ultima gara gara. Non abbiamo mai parlato di prolungamento anche quando eravamo in situazioni più tranquille. L’unico pensiero è quello di salvarci».

CARBONE. All’ultima conferenza di questo campionato Zenga ha avuto di fianco anche il suo vice Benny Carbone che ha detto: «Questa gara qui si vince con motivazioni, noi ne abbiamo di più. Loro vorranno festeggiare la bella annata e salutare alcuni giocatori che andranno via, noi invece dobbiamo vincere per forza per non morire».

Con l’arrivo di D’Anna in panchina sono arrivate due vittorie di fila. Grazie a questi sei punti è risalito dal terzultimo al 14º posto in classifica, e oggi affronta il Benevento già retrocesso. Il Chievo retrocede solo se perde, l’Udinese non perde, Cagliari, Spal e Crotone vincono. In assoluto gli basta il pareggio, a quota 38 si salva sia in caso di arrivo a tre (con Spal e Crotone, retrocederebbe il Crotone), sia in caso di arrivo a quattro (con l’Udinese oltre a Spal e Crotone, in questo caso scenderebbero in serie B i friulani).

SITUAZIONE – In vantaggio con Udinese (2-1 e 1-1), Cagliari (2-0 e 2-1) e Spal (2-1 e 0-0), pari con il Crotone (0-1 e 2-1, differenza reti -24 contro -25).

udinese (37 punti)

classifica avulsa preoccupante, con tre punti è tranquilla

Domenica scorsa a Verona l’Udinese è tornata vincere dopo 14 giornate nelle quali aveva ottenuto solo 2 punti, in casa non vince dal 23 dicembre. Oggi affronta il Bologna, già battuto all’andata. A quota 37 punti e malgrado una situazione di classifica avulsa deficitaria (è in vantaggio solo con il Crotone) rischia soltanto se Spal e Crotone vincono e il Cagliari non perde. E’ al sicuro se vince, mentre il pareggio potrebbe non bastargli: in caso di arrivo a quattro con Spal, Crotone e Chievo, retrocederebbero i friulani.

SITUAZIONE – In vantaggio con il Crotone (3-0 e 1-2), in svantaggio con Chievo (1-2 e 1-1), Cagliari (0-1 e 1-2) e Spal (2-3 e 1-1).

cagliari (36 punti)

in vantaggio con 3 rivali su quattro se vince è al sicuro

Una settimana fa, dopo aver ottenuto un punto in quattro partite, era precipitato per la prima volta nella stagione al terzultimo posto della classifica. Vincendo a Firenze, il Cagliari è tornato in zona salvezza, con un punto di vantaggio su Spal e Crotone. Oggi ospita l’Atalanta: con una vittoria è al sicuro, se pareggia o perde deve sperare che Spal e Crotone non vincano. In caso di arrivo a pari punti rischia solo nel caso fronteggi il Chievo, l’unica squadra in vantaggio contro i rossoblù nella classifica avulsa.

SITUAZIONE – In vantaggio con Udinese (1-0 e 2-1), Spal (2-0 e 2-0) e Crotone (1-0 e 1-1), in svantaggio con il Chievo (0-2 e 1-2).

spal (35 punti)

Salva con tre punti le basta non fare peggio del crotone

Due sconfitte nelle ultime quattro partite hanno fatto tornare complicata una situazione che sembrava volgersi al rosa dopo la precedente serie positiva di otto giornate (però con solo due vittorie ottenute). Oggi la Spal (che sfida la Sampdoria) non deve fare peggio del Crotone, con cui è in vantaggio nell’avulsa; se vince si conferma in A, se pareggia e i calabresi vincono, retrocede a prescindere dal risultato del Cagliari, in vantaggio nei confronti diretti.

SITUAZIONE – In vantaggio con Udinese (3-2 e 1-1) e Crotone (1-1 e 3-2), in svantaggio con Chievo (1-2 e 0-0) e Cagliari (0-2 e 0-2).

crotone (35 punti)

A napoli è costretto a fare punti. e sperare che le rivali dirette…

Quattro risultati positivi nelle ultime cinque giornate non sono bastati. A causa delle più recenti vittorie delle dirette rivali, il Crotone si trova a un passo dalla retrocessione. Oggi la squadra di Zenga gioca a Napoli, con l’obbligo di fare risultato. Un pareggio sarebbe sufficente solo in caso di sconfitta della Spal, una vittoria potrebbe non bastare nel caso la squadra di Zenga chiudesse terzultima in compagnia di un altro club, con una sola eccezione: in caso di arrivo a quattro con Udinese, Chievo e Cagliari, scenderebbero in serie B i friulani.

SITUAZIONE – Pari con il Chievo (1-0 e 1-2, differenza reti -25 contro -24), in svantaggio con Udinese (0-3 e 2-1), Cagliari (0-1 e 1-1) e Spal (1-1 e 2-3).

fonte:corrieredellosport

Commenti

Translate »