Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Bandiera Blu a Piano di Sorrento, ma quante polemiche! Positanonews lo dice dal 2009 che basta compilare questionario, il caso Amalfi

Piano di Sorrento sembra diventata un subbuglio di polemiche. Qualcuno dice addirittura che si “denigra” perchè la si contesta. A dire il vero Positanonews non ha contestato un bel nulla, abbiamo pubblicato un intervento di Claudio d’Esposito presidente del WWF Terre del Tirreno e uno di Laura Cuomo fondatrice della Grande Onda che , per motivi diversi, hanno qualcosa in comune. Inopportuna per uno, prematura per l’altro. Intanto facciamo una premessa è una “genialata” quella di aver copiato il modello Positano per la Bandiera Blu, intanto Piano esce su un circuito europeo ed è un bel lancio di marketing.

La Bandiera Blu , a dispetto del nome, non certifica lo stato dei mari, quello lo fanno le analisi dell’Arpac, quando non sono falsate, ma tutta una serie di requisiti. E sopratutto la compilazione di un questionario. La stragrande maggioranza dei comuni paga per compilare questi questionari ed adeguarsi ad essi. Ora molti si domandano, ma perchè non ci sono Meta, Sant’Agnello e Vico Equense? E  Praiano e Amalfi e Capri, ma Piano si?

Il motivo principale è che la Bandiera Blu si chiede! Dunque , fermo restando i complimenti a Piano, e lungi da noi il denigrare nessuno, tanto è vero che noi abbiamo solamente pubblicato gli interventi di Laura Cuomo, che era stato chiesto prima ancora della concessione della Bandiera Blu e possiamo provarlo, e quello di Claudio d’ Esposito. Che , teniamo a sottolinearlo, sono completamente diversi, distinti e separati. Laura Cuomo ha un gruppo Facebook “La Grande Onda”, Claudio d’ Esposito rappresenta un’associazione internazionale a livello locale ed è uno degli attivisti più noti e impegnati che ci siano.

Nella loro diversità hanno intuito una cosa che noi di Positanonews sappiamo da quando siamo nati , 14 anni fa. Nell’archivio abbiamo trovato un articolo del 2009 relativo ad Amalfi che non ha avuto la Bandiera Blu perchè non la ha chiesta . Ovviamente non ci risulta che chi ha chiesto la Bandiera Blu possa essere stato bocciato, ma ci risultano casi di Bandiere Blu non richieste più. E non ci risulta mai che la FEE le assegni d’ufficio senza che non si compilino questionari.

Non ci dilungheremo sulla cosa, ma la Bandiera Blu ben può essere data a Piano se ha compilato i questionari e rispettato i requisiti, servizi, accessibilità della spiaggia (ma la vedo più per Meta per esempio), cosa che non sappiamo perchè al momento la Bandiera Blu viene dato in base a quello che viene dichiarato e i questionari non vengono messi integralmente in rete con le risposte cosa che la FEE dovrebbe fare per evitare polemiche che hanno investito la Bandiera Blu non solo in Penisola Sorrentina ma in tutta Italia . Non ci accodiamo agli entusiasti, ma neanche ai denigratori. A differenza di quello che ha detto qualcuno non lo siamo. Cerchiamo di ragionare sulla Bandiera Blu e su come viene concessa e ripetiamo che , se vi sono dei requisiti, basta compilare un questionario. Se questo lo ha fatto Piano pagando una società o al proprio interno non lo sappiamo. Ma chi non ha avuto la Bandiera Blu è sopratutto chi non la ha chiesta ECCO IL CASO DI AMALFI SOLLEVATO NEL 2009 

Una fake news, uno scherzo, una bandiera non la si nega a nessuno… Insomma i social network sono fatti così e su Facebook si sprecano i commenti di fronte a una situazione che fino a due anni fa vedeva divieti a raffica e solo dopo pochi mesi dal funzionamento di Punta Gradelle fa fioccare Bandiere Blu..

Le reazioni ci sono se si pensa al porto di Marina di Cassano, paragonato alle acque cristalline della Sardegna .. Una cosa che riempie d’orgoglio, d’accordo, ma non si può non essere scettici o quantomeno dubbiosi..

Inutile arrabbiarsi, sarebbe meglio spiegare. La Bandiera Blu ( riconoscimento che anche a Positano contestano per l’accessibilità alle spiagge, quindi non c’è niente contro Piano, ndr ) e qui pochi lo sanno, non sempre si da per tutte le spiagge e tutto il paese, a volte anche solo per una spiaggia. Questo non sta a noi chiarirlo ma a chi dovrebbe comunicare con precisione la cosa..

Insomma la nostra testata da notizie per farsi leggere, intercettando ciò che è di interesse pubblico, non per fare attacchi politici a destra e a manca.

La Bandiera Blu è un argomento che sta facendo discutere e questo è indubbio. Noi lo stiamo trattando in maniera onesta ed equanime, abbiamo pubblicato i comunicati entusiasti di tutti, che arrivavano a raffica, le repliche e le contro repliche, gli interventi di ambientalisti e di rappresentanti di gruppi social, che dovevamo fare non dire niente?

Dire ok, tutto a posto? Permettete che , dopo aver pubblicato tutto, commenti positivi e negativi, il giudizio definitivo lo lasciamo dare al lettore?

Intanto auguri a Piano , la mossa è sopratutto di immagine,  che va rispettata tenendo il mare pulito e separando fogne bianche e nere come ha detto la Cuomo e facendo controlli ,  ma a questa deve far seguito una politica di valorizzazione e sviluppo integrato del turismo che ancora non c’è.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.