Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Anderson del Bari in vacanza a Positano. E’ considerato fra i migliori della serie B

Più informazioni su

Anderson centrocampista del bari Week end a positano in Costiera amalfitana dopo la vittoria 3 1 sul perugia che lancia i galletti in piena lotta per la A
Djavan Anderson , considerato fra i migliori della Serie B, se non il migliore, ed è già conteso da almeno tre squadre della serie A, fra cui la Sampdoria, ha raccontato le sue sensazioni sull’avventura in Puglia, dove era arrivato ad agosto dell’anno scorso per vivere un mese di prova prima del tesseramento: “Non è stato facile, ma nella mia situazione avevo una sola scelta e volevo che andasse così. Sapevo cosa dovevo fare per conquistare mister Grosso” garantisce lui. Per conquistare Bari, gli sono bastate poche partite. Testa alta, gambe pronte a sprintare e quella capigliatura bionda che non può certo passare inosservata. Fino a diventare un uomo mercato nello scorso gennaio: “Ora sono qui e penso solo al Bari – la sua promessa – gennaio è sempre un mese strano, il calciomercato la fa da protagonista e poi il campionato continua. Dio ha il controllo di quello che succederà. A me interessa solo la prossima partita”.

23 anni appena compiuti ad aprile, passaporto olandese e radici in Giamaica, Anderson ha nel suo passato trascorsi da capitano nel settore giovanile dell’Ajax e un passaggio all’AZ Alkmaar su suggerimento di Wim Jonk, ex centrocampista della nazionale Orange e dell’Inter, per poi passare al Cambuur con una stagione in Eredivisie e una in Jupiler League. Fino alla scorsa estate: galeotte sono state le ferie estive. “E’ vero -sorride – ero in vacanza in Puglia quest’estate, sono passato da Bari con la mia ragazza e non sapevo cosa poteva succedere. Sono tornato in Olanda e una settimana dopo il mio procuratore mi ha detto che potevo tornare in prova al Bari. Sono stato felice, mi piace la città sia per viverci che per giocare”. Ambientato, anche nello spogliatoio: “Ci sono tanti bravi ragazzi. I miei insegnanti di italiano? Un po’ di napoletani e di baresi, con questa squadra è impossibile parlare inglese (sorride, ndr), anche se Henderson, Balkovec e Kozak lo parlano bene”. Referenze d’eccezione, che ora Anderson vuole mantenere. Come prometteva qualche anno fa, quando sfidò la Germania di Meyer e Goretzka nella finale (vinta) dell’Europeo Under 17. Con il 13 sulle spalle: “Il primo giorno qui a Bari il mio procuratore mi ha detto che è un numero che porta bene in Italia”.

Scaramanzia rispettata, verrebbe da pensare guardando le prove in campo: lo dicono anche i tifosi. “Qualche volta mi fermano per strada per complimentarsi, ma è normale che succeda quando si vince. E’ diverso dall’Olanda, qui il calcio si vive molto di più, mi piace tanto. Quando siamo in difficoltà, il sostegno dei tifosi ti aiuta ad andare avanti”. Avanti, fino all’attacco, dove Fabio Grosso (“Lui è l’allenatore giusto per noi: è una persona intelligente, precisa. Per creare una squadra con buoni calciatori hai bisogno di un buon allenatore” dice del campione del mondo azzurro) lo sta impiegando da tre partite a questa parte: “Mi piace giocare da terzino, ma gioco dove mi mette il mister. Il mio modello è il mio connazionale Tete del Lione, lui è più difensivo di me”. Chissà che non possano incontrarsi in Nazionale: “Ogni giocatore spera di riuscirci – gioca sulla difensiva Anderson- Devo fare molto bene per conquistare una chiamata”. Molto bene, magari con il salto in A con il Bari: “Non sogno spesso, ma i miei desideri preferisco tenerli per me”. Uno, però, lo esprime: “Bari mi piace tanto, ma non con la neve”. E corre via, come in campo spesso e volentieri fa davanti agli avversari.

Simpatico, bravo, umile e campione in erba. Magari fa un pensierino alla Campania fra Salerno e Napoli. Comunque sentiremo parlare di lui. Complimenti da Positanonews

Nella foto con il suo amico francesco boutique tre danari

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.