Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Altro libro di Alessandro Grassi su Artemisia Gentileschi

Più informazioni su

Articolo di Maurizio Vitiello – Artemisia Gentileschi, un’artista rinascimentale straordinariamente attuale omaggiata con una preziosa monografia.

Da oggi il mondo dell’arte si arricchisce di una preziosa monografia dedicata ad Artemisia Gentileschi, la pittrice più nota del Rinascimento italiano, “napoletana d’adozione”, poiché ha trascorso gran parte della sua vita nella città partenopea.
L’opera a lei dedicata fa parte della collana d’arte del Gruppo Menarini in collaborazione con Pacini Editore, ed è un omaggio a una donna coraggiosa e straordinariamente attuale.
L’artista, infatti, non solo riuscì ad affermarsi in un ambiente prevalentemente maschile, conquistando le corti italiane ed europee, ma con il supporto del padre Orazio denunciò la violenza sessuale subita da adolescente dal suo maestro, Agostino Tassi, aprendo di fatto il primo processo per stupro di cui si abbia piena testimonianza in Italia.
La sua permanenza a Napoli influenzò moltissimo la pittura napoletana, avviando un’importante fase evolutiva.
La sua attività napoletana fu, inoltre, molto prolifica e alcune sue opere sono oggi custodite al Museo di Capodimonte.
A Napoli, Artemisia incontrò anche Velázquez con cui lavorò per la regina Maria d’Austria mentre nell’ultimo periodo lavorò per conto di Don Antonio Rufo di Sicilia.
Ma, nonostante, le sue capacità, la sua reputazione e la sua importanza, su di lei non era stato scritto molto.
Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, segnala: “E’ solo a partire dal secondo dopoguerra che è rinata la fortuna di Artemisia Gentileschi nella letteratura artistica, con una vera e propria impennata negli ultimi decenni. Romanzi biografici, numerose monografie, articoli, mostre, hanno visto un progressivo viraggio dell’attenzione sulla sua figura di valente pittrice, rispetto alla vicenda personale e umana. Giuditta che decapita Oloferne, ad esempio, è il secondo quadro degli Uffizi più cliccato su Instagram dopo la Medusa di Caravaggio”.
Lucia Aleotti, presidente del Gruppo Menarini, sottolinea: “Dedicare il volume d’arte ad Artemisia Gentileschi non solo conferma la grande vocazione artistica dell’azienda, ma omaggia anche una donna vittima di violenza che ha avuto la forza e il coraggio di rinascere. Menarini sostiene da sempre iniziative a tutela delle persone più fragili e proprio quest’anno ha dato il suo supporto non condizionato per una serie di corsi di formazione per giornalisti su un tema delicato come quello della violenza di genere. Ci auguriamo che il coraggio di Artemisia sia d’ispirazione per tutte quelle vittime silenziose che ancora non hanno la forza di denunciare”.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.