Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Siria: sfida Usa-Russia. Trump: ‘Invieremo missili’. Mosca: ‘Risponderemo’ Fonti di governo, Italia supporta sempre alleati

Più informazioni su

Gli Stati Uniti sono pronti a sferrare l’attacco in Siria e a punire il regime di Assad, reo secondo la Casa Bianca di usare armi chimiche contro il suo popolo. Al Pentagono si attende ormai solo l’ordine di Donald Trump, che intanto ha avvertito Mosca con una sorta di dichiarazione di guerra via Twitter: “La Russia si prepari, i nostri missili stanno arrivando, belli, nuovi e ‘intelligenti’!“. Immediata la risposta: “I missili li usino contro i terroristi”.

Putin schiera le navi e avverte: risponderemo. La Casa Bianca frena:nessuna decisione finale è stata presa. E il segretario di stato Pompeo sottolinea: la guerra è sempre l’ultima risorsa.

Ma manda anche lui un avvertimento a Mosca: finiti gli anni di politica soft. La May invia intanto i sottomarini: un’azione militare potrebbe iniziare tra stasera e domani, secondo la stampa Gb. L’Onu chiede di “evitare che la situazione diventi incontrollabile”.

Intanto l’esercito del governo siriano ha preso il pieno controllo della città di Duma detenuta dal gruppo Jaysh al-Islam e ora l’intera Ghuta orientale è sotto il controllo delle forze governative. Lo ha detto il capo del centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria Yuri Yevtushenko. “Si tratta di un evento storico nella storia della Siria”, ha dichiarato Yevtushenko. Lo riporta la Tass.

Pattugliamenti aerei anti-Isis da Sigonella

“Il governo Usa – si apprende in serata da fonti parlamentari – ha dato la disponibilità a riferire sulla situazione in Siria. La possibile data per l’informativa, spiegano, è ancora da definire”. “Sulla risposta all’attacco chimico in Siria – ha detto la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders – proseguono i contatti e le valutazioni tra gli Stati Uniti e gli alleati”

Trump cancella la sua partecipazione all’8/o summit delle Americhe a Lima e ‘resterà negli Usa per sovrintendere alla risposta americana alla Siria’.

Cnn, lascia consigliere sicurezza Interna Trump

Il consiglio per la sicurezza nazionale Usa si è riunito ieri per discutere la risposta americana alla Siria dopo il presunto attacco chimico a Duma, attribuito dall’Occidente al regime di Damasco. A presiederlo il vice presidente Mike Pence, come ha reso noto la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders. 

ansa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.