Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Procida, dramma per Federica, incinta, picchiata a sangue perde la bambina

Più informazioni su

Procida. Era già accaduto altre volte. Il compagno aveva manifestato atteggiamenti violenti nei suoi confronti. La picchiava. Giovedì pomeriggio l’ennesima lite con un finale agghiacciante: l’aborto della bimba che portava in grembo da venti settimane. Procida, isola quieta e tranquilla, è scossa da questa storia di violenza e dolore. Federica Nuovo, 38 anni, giovane donna di Quarto che da qualche tempo conviveva con Gaetano De Santis, un quarantacinquenne isolano, giovedì pomeriggio ha chiesto soccorso al 112. La pattuglia dei carabinieri della stazione isolana, coordinata dal capitano della compagnia Andrea Centrella, ci ha messo poco ad arrivare nell’abitazione in via Giovanni da Procida. I militari hanno trovato la donna, incinta di quattro mesi, prostrata e sofferente, che accusava violenti dolori addominali. L’ambulanza prontamente allertata ha provveduto a trasportarla presso il presidio sanitario procidano dove i medici hanno constatato l’interruzione della gravidanza. Poi, per evitare complicazioni sempre possibili in questi casi, la donna è stata trasferita con l’idroambulanza della Capitaneria di Porto nel più attrezzato ospedale Santa Maria delle Grazie a Pozzuoli. Qui Federica ha dovuto sottostare all’intervento di asportazione del feto, sul quale sarà eseguito l’esame autoptico disposto dall’autorità giudiziaria. Sarà necessario capire se la morte del feto sia effettivamente avvenuta in seguito all’ultima aggressione o, come sembrerebbe, già da alcuni giorni. Il clima di violenze, in ogni caso, almeno secondo quanto raccontato dalla giovane era continuo.
Nel tardo pomeriggio di giovedì, mentre Federica veniva soccorsa e ricoverata, i carabinieri hanno provveduto prima al fermo e poi all’arresto del compagno. L’uomo è stato trasferito presso il carcere di Poggioreale a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa dell’interrogatorio del gip per la convalida del provvedimento. De Santis è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurata interruzione di gravidanza. La donna ha infatti dichiarato ai militari che già in passato era stata sottoposta a ripetuti maltrattamenti da parte del compagno (era solito colpirla con spintoni e violente tirate di capelli, ha raccontato), ma non aveva mai provveduto a denunciare le violenze anche per amore della creatura con lui concepita che portava in grembo. L’ennesima aggressione di giovedì scorso le ha dato la forza e il coraggio per farlo. Purtroppo per la loro bimba troppo tardi.
La vicenda ha destato dolorosa sorpresa nell’isola. L’uomo è conosciuto come un bravo lavoratore (effettua la guardianìa di alcuni campi di calcetto di proprietà della famiglia e provvede alla distribuzione di bombole di gas nelle case dell’isola). Di carattere un po’ chiuso, riservato, timido, Gaetano De Santis aveva conosciuto da qualche tempo la donna, di origine puteolane e residente a Quarto, che lavorava presso un albergo isolano. Un mese fa la decisione di andare a vivere insieme in un appartamento di via Giovanni da Procida. Secondo alcuni amici, con cui la coppia aveva trascorso allegramente la Pasquetta, il menage procedeva serenamente, anche per l’imminente arrivo del nascituro, una femminuccia. Niente, insomma, lasciava prevedere il triste finale di questa storia d’amore e di tenebra. Dietro l’apparenza, evidentemente, si nascondeva tutta un’altra storia. Domenico Ambrosino, il mattino

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.