Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Piano di Sorrento Città Produttiva , diamo in prova gli immobili ai giovani. La proposta condivisibile di Mare Movimento Cinque Stelle

Piano di Sorrento Città Produttiva , la proposta condivisibile di Mare Movimento Cinque Stelle è quella di dare immobili attualmente improduttivi in prova ai giovani, più in dettaglio riportiamo sotto la proposta . Mentre nel Consiglio Comunale continuano le schermaglie all’interno della stessa maggioranza, con uno scontro duro fra Antonio D’Aniello e Mario Russo, fra le opposizioni notiamo un gran attivismo di Salatore Mare. A dire il vero Mare all’inizio sembrava non ingranare o perlomeno riportava i principi di carattere nazionale del movimento di Grillo e Di Maio, con coerenza e senza sotterfugi, ma non entrando nello specifico delle problematiche carottesi. Invece ultimamente sta facendo davvero un bel lavoro che l’amministrazione Iaccarino deve prendere in considerazione. E qualche risultato a casa lo sta portando avanti nel concreto per quanto riguarda la partecipazione democratica e le centraline antismog. Ma veniamo a questa proposta per una politica sociale ed economica diversa

Piano città produttiva
IL PROGETTO

Con questo programma intendiamo porre in primo piano il problema occupazionale dei giovani e delle donne, e porre quindi le basi affinché ci sia la possibilità per le nostre eccellenze produttive ancora inespresse, di avviare una propria attività, abbattendo quella che è la voce più significativa per chi comincia: l’affitto del locale.
Diamo la possibilità a chi ha doti e volontà, di usufruire per due anni, tempo ritenuto sufficiente per un avviamento commerciale, di un locale comunale in comodato d’uso gratuito.
I vincoli posti sono pochissimi e tutti tesi alla volontà che l’attività resti in territorio comunale, in maniera tale da fungere da volano oltre che per altre produzioni e creare quindi lavoro ed indotto, anche per far giungere altri potenziali clienti nella nostra città, che a loro volta potranno acquistare altri prodotti in altre attività, il tutto in una connessione, concependo il territorio cittadino come un centro naturale commerciale, cosa che d’altro canto era nel nostro programma di governo.
Saranno chiaramente avvantaggiate le idee «Green economy», gli imprenditori che porranno in essere l’uso di prodotti biologici, a Km 0, che possibilmente non producano rifiuti, che facciano quindi del riciclo e del riuso la loro filosofia commerciale.
Auspichiamo che la pubblica amministrazione accolga questa proposta, unitamente alla nostra altra idea di commercializzazione di un prodotto certificato carottese, il marchio DeCo di denominazione comunale, che potrebbe avvenire naturalmente e successivamente l’avvio della fase «Piano Città Produttiva».
Confidiamo nella partecipazione di tutti quei giovani ambosesso, con idee ed aspirazioni imprenditoriali innovative, che hanno nel gruzzolo iniziale il loro problema principale nell’intraprendere l’impresa dei propri sogni.

PROPOSTA PER UNA POLITICA SOCIALE

Acclarata la disponibilità dei seguenti locali di proprietà del Comune di Piano di Sorrento al momento sfitti e improduttivi:
1. Immobile ubicato in Via San Michele, 7
2. Immobile ubicato in Via San Michele, 19
e con riferimento ad altri locali di proprietà comunale per i quali dovesse sopravvenirne la disponibilità.
In relazione alla necessità di adottare politiche volte ad attenuare il disagio sociale legato alla disoccupazione, specie giovanile, e alla volontà di agevolare l’imprenditoria giovanile e femminile, facilitando l’avviamento di attività commerciali (imprenditoriali in genere).
Volendo inoltre premiare idee innovative al servizio di progetti start up, attività produttive e commerciali a Km. 0, con particolare attenzione ad ogni iniziativa imprenditoriale cosiddetta «Green economy».
Si propone di indire un bando rivolto a quanti abbiano interesse ad avviare un’attività imprenditoriale in territorio comunale, in prima istanza ai carottesi residenti e in subordine ai residenti nel comprensorio peninsulare (da Massa Lubrense a Vico Equense).
All’esito dell’iter valutativo delle domande ritualmente presentate, verrà stilata una graduatoria di merito, e concesso in comodato d’uso gratuito per due anni, uno dei predetti locali (uno a ciascun richiedente occupante un posto utile nella predetta graduatoria), fino ad esaurimento degli stessi.
Potranno partecipare al bando tutti i disoccupati regolarmente iscritti da almeno 6 mesi, alla data di pubblicazione del bando, nelle liste del Centro per l’Impiego di Sorrento, aventi i seguenti requisiti:
• Età compresa fra i 18 ed i 35 anni compiuti alla data di presentazione della domanda, donne maggiorenni senza limiti d’età;
• Reddito ISEE ordinario non superiore a € 12.000,00.
• I soggetti in possesso dei sopraelencati requisiti saranno altresì tenuti ad esibire certificato casellario giudiziale e certificato carichi pendenti che non rechino evidenze negative.
• Se il soggetto richiedente dovesse essere costituito in forma associata, i soci persone fisiche non in possesso dei predetti requisiti non potranno detenere più del 25% del capitale sociale;
• Se in forma cooperativa, tutti i membri dovranno possedere i requisiti richiesti. La domanda dovrà essere corredata dagli allegati, debitamente compilati, che saranno resi disponibili e scaricabili dalla sezione «BANDI E AVVISI» del sito istituzionale del Comune di Piano di Sorrento, a far data dalla pubblicazione del bando. Il rispetto dei seguenti parametri costituirà fattore premiante nel calcolo dei punteggi per la redazione della menzionata graduatoria di merito:
– Utilizzo di Prodotti a Km 0, e/o Biologici;
– Pratica della filosofia Rifiuti 0;
– Progetti a basso impatto ambientale;
– Progetti innovativi.
• L’imprenditore aggiudicatario potrà decidere, nei 24 mesi dall’attribuzione del beneficio, di recedere unilateralmente e senza preavviso dal contratto di comodato; in tale evenienza, l’esercizio dell’attività avviata nell’immobile concesso in comodato potrà continuare solo su territorio carottese;
• L’imprenditore aggiudicatario potrà trasferire in altro immobile l’attività avviata, purché ubicato nel territorio del comune di Piano di Sorrento.
• La delocalizzazione dell’attività avviata nell’immobile concesso in comodato in territorio di altro comune, comporterà la risoluzione ipso iure ex art. 1456 c.c. del contratto di comodato e il pagamento di una penale da definire in convenzione, in base alla redditualità dell’immobile concesso.
• Nel caso di cessione dell’attività, il cessionario dovrà possedere tutti i requisiti previsti dal bando in capo ai soggetti richiedenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.