Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

De Laurentiis rientra in Italia per il finale di campionato e l’incontro con il tecnico. Sale il pressing Chelsea

Più informazioni su

Torna in Italia nelle prossime ore. Troverà un Napoli ancora in corsa per lo scudetto e un contratto da discutere con il suo allenatore per convincerlo a restare qui con il sorriso. De Laurentiis si prepara al terzo atto del discorso prolungamento del contratto con Sarri, dopo il faccia a faccia di Figline a gennaio e il lungo colloquio durante la sosta di marzo. Il patron ha i suoi dubbi, così come li ha il tecnico toscano: De Laurentiis non sa se Sarri se ne andrà ma se lo aspetta perché tante cose non gli tornano. E sa pure che né la clausola da  8 milioni né gli altri due anni di contratto potranno trattenerlo in azzurro senza la sua convinzione. Il cielo è nuvoloso, ma questo non significa che scoppierà un temporale. Di certo qualche fulmine si intravede. Perché spunta un primo indizio. Sarri ha infatti annullato il contratto d’affitto della sua villa a Varcaturo e nella quale vive dal primo giorno di Napoli. La disdetta è avvenuta 15 giorni fa. Una comunicazione che può anche essere il preambolo a un trasloco in zona, in una abitazione più grande, e non necessariamente una prima prova del suo addio. O magari c’è qualcosa che non va con il padrone di casa. Ma in realtà non è un buon segnale: perché lui è scaramantico, va in trasferta sempre con la stessa valigia e a certe cose è legato in maniera viscerale. Una disdetta che può anche non significare nulla: anche Cavani lasciò la sua prima casa a Lucrino per spostarsi a Baia e da lì a Parco Matarazzo in via Tasso. Però è evidente che Sarri e De Laurentiis sono ancora distanti. La cosa non sta incidendo affatto sul rendimento della squadra: Sarri si aspettava da tempo un ritocco all’attuale ingaggio da 1,4 milioni di euro ma non è mai andato sulle barricate e da tempo aspetta in silenzio gli eventi. In queste ore s’è parlato anche di un sondaggio del Monaco per lui, ma il contatto non pare abbia avuto seguito. A De Laurentiis, come a tutti i tifosi napoletani, l’idea di un addio di Sarri dispiace assai, ma ormai bisogna aspettare l’ultima giornata per sapere la verità. Perché solo allora usciranno tutti allo scoperto. Il presidente ha ancora molto più di una speranza di riuscirlo a trattenere. Una disdetta che è un segnale che non fa ben sperare, inutile girarci intorno. Anche se ora davvero si fa fatica a pensare al contratto tra Sarri e De Laurentiis alla luce della trasferta a Milano contro il Milan e dello scudetto che resta a portata di mano. Però è chiaro che secondo consuetudine stagionale, è a primavera che le panchine cambiano padrone. E l’ultimo scenario è degno di un incallito scommettitore. Thomas Tuchel è praticamente l’erede di Emery sulla panchina del Psg e per Sarri c’è un oligarca russo che pronto a fare pazzie: è il padrone del Chelsea, Roman Abramovich. Sarri non vuole distrazioni al suo pensiero unico, che è quello di vincere il campionato con il Napoli. Ha chiesto alla squadra di ignorare le voci di mercato, ha anche spesso alzato la voce pensando che qualcuno possa avere cali di tensione. E lui per primo vuole fare la stessa cosa: ma nella girandola di nomi per la panchina del club londinese c’è anche lui. Fortissimamente lui. Anche se il manager del toscano, Alessandro Pellegrini smentisce, i contatti con il Chelsea ci sono stati – e non sono stati solo informali – e ci saranno ancora: Abramovich deve prima decidere la sorte di Antonio Conte che a luglio scorso ha firmato un nuovo contratto con il club londinese da 9 milioni di sterline, quasi 11 milioni di euro con scadenza 2019. Ma c’è di più. Perché è stata inserita anche una clausola molto elevata in caso di esonero. Ecco. Abramovich sarà anche uno degli uomini più ricchi al mondo ma vorrebbe evitare di dover pagare anche la penale da 8 milioni al Napoli per liberare Sarri. Giura Sarri che se ci fosse stato un contatto con un altro club lo avrebbe già comunicato a De Laurentiis: ma la verità sta nel mezzo, perché è evidente che al momento il «ritocchino» all’attuale stipendio proposto da Sarri è assai lontano da quello che l’allenatore del Napoli pensa di meritare. E l’idea di un braccio di ferro sui soldi non gli va a genio. Difficile che De Laurentiis possa fare la faccia dura con Sarri ricordandogli che in ogni caso c’è un contratto firmato. Difficile trovare un sostituto a un personaggio come Sarri; a parte la tentazione Giampaolo, tra i tecnici più ammirati c’è Simone Inzaghi. E non è escluso un ritorno di fiamma per un vecchio pallino: Emery. (Pino Taormina – Il Mattino)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.