Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Boato nei cieli del Cilento, due caccia rompono il muro del suono. Panico e fuga dalla case per paura di un attentato

Più informazioni su

«È stato terribile: all’improvviso ho avvertito un forte boato, poi ha tremato tutto». È uno tra i tanti racconti di quanto accaduto ieri pomeriggio nel comprensorio del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Alle 16.22 due caccia Eurofighter dell’Aeronautica militare hanno rotto il muro del suono provocando un forte rumore avvertito nel raggio di oltre 50 chilometri. Che si trattasse di un fenomeno dovuto a due aerei non è stato subito chiaro. La gente ha pensato si trattasse di un’esplosione e si è riversata in strada; in molti hanno preso d’assalto i centralini delle forze dell’ordine, altri hanno contattato amici e familiari per sincerarsi delle loro condizioni. Fino a quando l’aeronautica militare non ha chiarito la provenienza di quel fragore nel cielo si sono vissuti attimi di smarrimento. Paura soprattutto nell’alto Cilento dove il fenomeno si è vissuto con maggiore intensità. In alcune abitazioni tra Agropoli e Capaccio Paestum si sono registrati anche danni, per fortuna non gravi: vetri rotti e quadri caduti dalle pareti. «I boati sono stati avvertiti nettamente – ha confermato il sindaco di Agropoli Adamo Coppola – dopo aver sentito la Protezione Civile posso confermare che non ci sono problemi per la popolazione. Noi comunque abbiamo attivato immediatamente i controlli per verificare che non ci fossero danni». Solo dopo circa due ore dal fenomeno è arrivata la conferma ufficiale dell’Aeronautica militare: «Due caccia sono decollati alle 16.20 per identificare un velivolo in transito nello spazio aereo italiano con il quale si erano interrotte le comunicazioni da terra. L’intercettazione è avvenuta in prossimità di Trapani e si è accertato che non si trovava in condizioni di emergenza o pericolo». «Per ridurre i tempi di intervento – hanno aggiunto da Roma – i due Eurofighter sono stati autorizzati al volo supersonico». Questo significa che hanno superato la barriera del suono intorno ai 1.200 chilometri orari. Le onde d’urto generate da questo tipo di volo hanno provato il rumore percepito dall’orecchio come quello di un’esplosione. (Ernesto Rocco – Il Mattino)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.