Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Apprensione a Buonabitacolo per il 18enne Antonio, scomparso nel nulla venerdì scorso: una telefonata, poi la fuga

Più informazioni su

«Se qualcuno lo ha visto si faccia avanti e se Antonio sente le mie parole ritorni a casa», è l’appello di Giuseppe Pascuzzo, il padre di Antonio Alexander che da venerdì non dà sue notizie. Il diciottenne è scomparso da Buonabitacolo, un paese di circa duemila anime, nella serata di venerdì scorso. Da domenica, giorno della denuncia del padre, si è attivata una task force per ritrovarlo. I carabinieri di Sala Consilina, la protezione civile Vallo di Diano, il personale del Comune guidato dal sindaco Giancarlo Guercio, sono all’opera per rintracciare il ragazzo. Ieri pomeriggio si è tenuto un summit nell’ufficio del sindaco, alla presenza del sindaco, del capitano Davide Acquaviva, del tenente Gaetano Ragano, di Giuseppe Pisano della protezione civile per indirizzare le ricerche e comprendere i possibili scenari. Antonio Alexander Pascuzzo venerdì scorso, intorno alle 22, è a casa dello zio. Riceve una telefonata e va in camera da letto per parlare. Poi dice al parente che uscirà per comprare le sigarette. È l’ultima volta che viene visto. Il padre prova a chiamarlo. Per due volte il telefono suona libero, poi spento. «Una signora mi ha detto che domenica è stato visto per Buonabitacolo con la sua bici, ma non riusciamo a trovarlo». La bici è una Bmx grigia e sarebbe stata visto in località San Donato. È da lì che la squadra di ricerca ha iniziato a muoversi con l’ausilio di cani e droni. Per ora senza fortuna. La fuga volontaria resta la pista più plausibile, anche se il ragazzo, di origini peruviane dove vive la madre, non avrebbe soldi con sé. Ha però i documenti. Un mese fa su facebook postò una strana frase: «Non merito di vivere». Il gesto di autolesionismo è un’altra pista da seguire. In ultimo, ma sempre attenzionata dagli inquirenti, è l’ipotesi che il diciottenne, in Italia dal 5 giugno scorso, possa essere entrato in brutti giri. Ieri sono state ascoltate diverse persone che potrebbero aver dato spunti interessanti per le ricerche. Anche se la domanda principale resta una: chi ha chiamato Antonio poco prima che uscisse dalla casa dello zio senza più farvi ritorno? (Pasquale Sorrentino – Il Mattino)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.