Positano News - Notizie dalla Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Sorrento . A proposito dell’ospitalità ai migranti la Chiesa la fa a spese proprie o dello Stato? Razzola bene o male?

Più informazioni su

Parliamo di Sorrento e dell’ospitalità che fa meritatamente l’Arcidiocesi di Sorrento – Castellammare di Stabia. Positanonews ha reso noto che la Chiesa lo fa in genere con fondi dello Stato, ora veniamo a sapere che invece in questo caso la Chiesa lo farebbe con fondi propri, grazie ad un comunicato ufficiale, ma non abbiamo , ovviamente , i documenti, e aspettiamo risposta a una nostra domanda specifica: l’ospitalità avviene solo a spese della Chiesa e non dello Stato? Niente altro, questa è stata la nostra mail . Non ci vediamo niente di male nell’ospitalità ai migranti, anzi siamo assolutamente contro ogni forma di discriminazione, e questo atteggiamento caritatevole la Chiesa lo dovrebbe estendere anche i “migranti interni” le persone senza fissa dimora, per esempio, e di questo se ne occupa con grande merito la Caritas. Ma giusto per dire come funzionano le cose e non stato a post fatti superficialmente solo perchè è di moda parlare male di Positanonews , ci sta pure, se vi divertite.  Allora chiariamo una cosa, dal punto di vista morale Alfano e la Chiesa stanno facendo bene ad accogliere i migranti, anche noi lo siamo stati, fanno male quando non accolgono i senza fissa dimora , per i quali lo Stato non da niente, e noi di Positanonews ne sappiamo qualcosa ,  l’unico prete che li ospitava era Don Nicola De Maria parroco di San Biagio a Sant’Agnello, sono fatti non parole. Era sicuramente un pò “particolare”, ma ospitava tutti, e lo faceva a spese sue. Noi di Positanonews abbiamo visto morire una donna senza che riuscissimo a trovargli una casa e ci siamo impegnati , abbiamo coinvolto pure un’agenzia immobiliare Progetto Casa Immobiliare a Piano di Sorrento, per l’esattezza, che gratuitamente trovò delle collocazioni, ma la signora malata di tumore non aveva le possibilità e  i comuni , di Piano e Meta, si rimpallavano la cosa, la Chiesa idem. Poi l’unico a fare qualcosa è stato Don Nicola, ecco per quanto un soggetto particolare, bisogna dargli atto e merito. Ora improvvisamente si aprono le porte , va bene, il punto è se lo fanno coi soldi propri o con i soldi della chiesa, veniamo quasi accusati di averci inventato questa possibilità. Ebbene, non per rispondere a quei quattro “fissati” che non hanno niente da fare che prendersela con noi credendo che noi vogliamo fare demagogia ( in realtà l’intervento sulla Chiesa che deve pensare a trovare un posto per l’igiene mentale è di un nostro collaboratore, come linea per noi sono i comuni che devono intervenire, moralmente forse dovrebbe fare qualcosa visto che si parla di sofferenza umana, ndr )  non è nata per caso questa nostra considerazione,  riprendendo Il Giornale , e anche Dagospia, l’ospitalità, in genere, avviene a spese dello Stato a  documentarlo sono i dati dell’ultimo rapporto della Caritas sulla “Protezione internazionale in Italia“: a giugno 2016, il 17% degli stranieri accolti nel Belpaese erano presi in carico dalla Cei. Mica male. Anche perché di questi 23.201 immigrati che risultano nelle strutture religiose, solo 4.929 mangiano grazie a fondi ecclesiastici o donazioni. I restanti 18.272 (il 79%) la Chiesa li accoglie sì, ma usando i soldi dello Stato.

Difficile fornire una somma precisa. Galantino ad aprile li quantificava in 150 milioni di euro all’anno. Il Def (Documento di economia e finanza) parla invece di 1,8 miliardi dati alle confessioni religiose, principalmente la Chiesa, alla voce “Missione 27”. Capitolo che l’Ufficio bilancio del Senato cita in cima alle spese per l’accoglienza.

A far man bassa di appalti sono le diocesi e la Caritas. L’ente della Cei compare come aggiudicatario in almeno 26 diverse prefetture attraverso le sue diramazioni locali o le fondazioni direttamente controllate. Sondrio, Latina, Pavia, Terni e via dicendo per un importo ben oltre i 30 milioni di euro l’anno. I dati risalgono a tutto il 2016: tra le più ricche la Caritas di Udine, con i suoi 2,7 milioni di euro. Poi la Mondo Nuovo Caritas di La Spezia (1,7 milioni) e infine quella di Firenze (664mila euro). Un capitolo a parte lo merita Cremona, città che ha dato i natali a Monsignor Gian Carlo Perego, direttore Generale di Migrantes (l’ufficio per le migrazioni della Cei). Qui la Chiesa ha fatto bottino pieno: oltre 3 milioni di euro alla diocesi cittadina e 1,6 milioni assegnati alla gemella di Crema. L’attuale vescovo di Ferrara, soprannominato “il prelato dei profughi”, quando guidava la Caritas cremonese lasciò in eredità la cooperativa “Servizi per l’accoglienza” degli immigrati. Coop che ovviamente non si è fatta sfuggire 1,2 milioni di euro di finanziamento nel circuito Cas e altri 2,4 milioni per la rete Sprar 2014/2016 da spartire con altre due associazioni.

“La Chiesa accolga gratis i migranti”, ha chiesto più volte Matteo Salvini invitando i vescovi a dichiararsi pure ospitali, ma senza pesare sui contribuenti. Parole al vento. E così per capire il variegato mondo cristiano nella gestione dell’immigrazione, bisogna pensare al sistema solare: al centro la Caritas (che di solito si occupa solo di coordinare) e tutto intorno un’immensa galassia di organizzazioni più o meno collegate. Vicine al sole ruotano decine di cooperative nate in seno alle diocesi e operative su suo mandato. Spiccano tra le altre la Diakonia onlus di Bergamo, che ha incassato 8,1 milioni. Oppure la Intrecci Coop di Milano, con i suoi 1,2 milioni di euro per l’accoglienza straordinaria a Varese. Dove non arriva la curia ci pensano i seminari, le parrocchie, gli ordini religiosi e le fondazioni. Come la “Madonna dei bambini del villaggio del ragazzo”, che l’anno scorso ha festeggiato l’assegnazione di 1,5 milioni di euro.

A poca distanza dal cuore del sistema si posizionano invece centinaia di associazioni che si richiamano a vario titolo alla dottrina sociale della Chiesa. Qualche esempio? Tra un coro dello Zecchino d’Oro e l’altro, la Antoniano onlus di Bologna ha accolto pure un piccolo gruppo di migranti. E con il sottofondo del “Piccolo coro” si è vista liquidare 129mila euro in un anno. Alla faccia di Topo Gigio. E ancora la cooperativa Edu-Care di Torino (2,6 milioni assegnati), la San Benedetto al Porto di Genova (fondata dal prete “rosso” Don Gallo), le Acli e via dicendo. L’elenco è sconfinato.

Papa Francesco l’ha detto chiaramente: “Chi non accoglie non è cristiano e non entrerà nel regno dei cieli”. Molti fedeli si sono adeguati, facendo il possibile per non perdere un posticino in Paradiso. E così si sono attivate pure una lunga serie di grandi cooperative bianche, gli ultimi tasselli che completato il puzzle. Al banchetto caritatevole partecipano tutte, dalle coop citate nelle carte di Mafia Capitale fino ad arrivare alla diffusa rete delle Misericordie d’Italia. La sezione più famosa è quella che gestisce il Cara di Isola di Capo Rizzuto, finito nella bufera con l’accusa di collegamenti con la mafia e trattamenti inumani verso i migranti. Ma le maglie della Venerabile Confraternita sono fitte e le sue affiliate non si fermano in Calabria. Alcune sezioni controllano diversi Cas tra Arezzo, Firenze, Ascoli, Pisa (e non solo). In Toscana l’introito complessivo per il 2016 è succulento: 6,2 milioni di euro. E pensare che nel vademecum dei vescovi c’è scritto che l’ospitalità può essere anche “un gesto gratuito”. Alcuni non devono essersene accorti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Di Maio

    C’é l’articolo del Mattino che spiega l’iter e che i fondi non sono statali magari se lo aveste letto…. Diciamo che far vedere che gli altri casi sono bacati non vi esenta dal dovere di non procedere per supposizioni e sentito dire. Buona giornata.

    1. Scritto da Redazione

      Abbiamo specificato che la Curia ha fatto un comunicato, noi parliamo della Chiesa in generale. Visto che ci hanno detto che non era vero che lo Stato dava soldi anche alla Chiesa per i migranti. Forse non è chiaro i migranti, poveri loro, vengono usati anche per fare business.. ora c’è chi lo fa con carità cristiana e spirito umanitario e chi no . Grazie per il commento