Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Ravello Città della Cultura 2020 dopo il no, intervento di Secondo Amalfitano

Ravello Città della Cultura 2020 dopo il no, intervento di Secondo Amalfitano direttore di Villa Rufolo che ha guidato il progetto ANCORA GRAZIE – PASSO E CHIUDO L’esclusione dalla rosa delle dieci città finaliste per la scelta della Capitale Italiana della Cultura per il 2020, di sicuro lascia l’amaro in bocca. Non conosciamo le motivazioni […]

Più informazioni su

Ravello Città della Cultura 2020 dopo il no, intervento di Secondo Amalfitano direttore di Villa Rufolo che ha guidato il progetto

ANCORA GRAZIE – PASSO E CHIUDO

L’esclusione dalla rosa delle dieci città finaliste per la scelta della Capitale Italiana della Cultura per il 2020, di sicuro lascia l’amaro in bocca.

Non conosciamo le motivazioni di tale esclusione, nè penso le conosceremo mai. Non conosciamo i dossier delle dieci finaliste, ma sono sicuro li conosceremo.

Potrebbero sembrare le considerazioni principali di questa mia riflessione? Niente di tutto ciò; da Roma dove mi trovo, mi viene facile scrivere: non me ne può fregà de meno. La mia vuole essere solo l’esternazione a caldo di pensieri, emozioni, sensazioni intime e proposte, senza ordine nè schemi, ma di getto e, come tutte le mie cose, con il cuore e l’onestà mentale di sempre.

Il dossier di candidatura di RAVELLO Costa d’Amalfi nasce da un’analisi di mille anni di società, cultura ed economia della nostra Costiera, si sviluppa in una serie di progetti tutti intimamente collegati, che sfociano in una vera e propria proposta di sviluppo locale. Questi i punti salienti:

1)La costiera Amalfitana non è un’isola felice e armonica, ma un susseguirsi di alti e bassi, di eccellenze e mediocrità, di notorietà eccessiva e di oblio; la potenza di diversi elementi sovrasta e annulla pezzi importanti in specie per il futuro.

2) Per la prima volta dopo 800 anni tutte le Istituzioni pubbliche del territorio si sono ritrovate unite e compatte.

3) La qualità è il livello dei partners privati e pubblici coinvolti non lascia spazio a dubbi e illazioni sulla qualità delle idee e delle proposte.

4) L’intero progetto potrebbe essere realizzato “a prescindere”, ma il punto è esattamente questo: La Costiera, senza la molla della designazione, è capace di proseguire nell’attuazione del progetto? Lo vuole davvero?

5) Dal 16 settembre ad oggi non ho sentito nè letto alcuna critica strutturata e scientifica sulla proposta di dossier. Quanti hanno lavorato e valutato, con cuore e testa scevra da preconcetti e secondi fini, si sono dichiarati entusiasti del progetto. I testimonial, i supporter e i collaboratori sono tutti professionisti è personalità di primo piano. I bastian contrari per definizione, pochi e malmessi, hanno attivato solo il loro abituale fiume di fango e melma.

Personalmente ho ritenuto che fosse mio dovere impegnarmi per la mia terra che tanto mi ha dato, il lavoro fatto è il frutto di 40 anni di vita pubblica, di lavoro, di professione, di conoscenze e di amicizie. Questi tre anni di studio e di impegno mi sono serviti anche per crescere e imparare. Ho conosciuto persone straordinarie, personalità e professionalità uniche; ho avuto gratificazioni enormi ed insperate. Per tre anni il progetto è stato assorbente nella mia testa, scacciando amarezze e depressioni, è diventato totalizzante nell’ultimo mese tenendo lontano pensieri brutti e preoccupazioni. Mi sono rifugiato in lui per fuggire dalle cattiverie, mi sono esaltato in lui per darmi forza e tenere duro. A questo progetto devo tanto e quindi la mia gratitudine a quanti mi hanno affiancato, e senza i quali nulla avrei potuto, è veramente infinita, ad iniziare dalle 15 Amministrazioni Comunali. Ringrazio tutti e ciascuno singolarmente e collettivamente, non faccio nomi perché sono troppi ed inevitabilmente dimenticherei qualcuno, mi sento di indicarne uno solo come si usa per il portabandiera alle Olimpiadi, e che sono sicuro non dispiacerà a nessuno perché li rappresenterà tutti per costanza, caparbietà, competenza, dedizione, convinzione, umiltà, etica ed estetica, ed anche per l’essere amareggiati: Emilia Filocamo. Forse se anche io ci avessi creduto come lei, oggi staremmo parlando di altro.

Ai tantissimi che hanno scritto, telefonato, postato, esternato, dico grazie e ancora grazie. Voi siete la vera forza della Costa d’Amalfi e potete fare tantissimo ancora, chiedendo a viva voce che la Costiera Unita continui il lavoro avviato, individuando le migliori professionalità per farlo, senza alzare le barriere del campanilismo e mettendo alla gogna i seminatori di odio e di divisioni.

Io, per dare il buon esempio, sarò felice al solo vedere questo lavoro andare avanti anche senza di me, MAI COME ORA I PERSONALISMI NON SERVONO.

A tutti, denigratori inclusi, chiedo scusa per non aver saputo fare di più.

Secondo Amalfitano

Più informazioni su