NA 6/4/16 – Il marinaio Andrea Mansi

Più informazioni su

    Riceviamo e pubblichiamo

    Il marinaio Andrea Mansi, originario di Ravello, fucilato il 12 settembre 1943 sulle scale dell'Università di Napoli è stato ricordato di recente proprio nel capoluogo campano. L'Associazione "Parole e Musica", di cui è presidente il dottor Lucio Lucioli, ha infatti organizzato la rappresentazione "Napoli del '900, un secolo di cronaca, arte e spettacolo al Teatro Mediterraneo della Mostra d'Oltremare.Tra gli altri, hanno parte-

    cipato all'evento, che ha avuto anche il patrocinio del Comune di Napoli, i rappresentanti della Fondazione "Casa dello scugnizzo"e l'AMPI con il presidente Ambrosetti, medaglia d'oro delle Quattro Giornate. Il sottoscritto, nipote dell'eroico marinaio, ha ricordato la sua vita e la sua grande fede di cattolico praticante, il suo attaccamento alla famiglia,

    alla Patria e alle Istituzioni. Tutto bene. Resta però solo tanta amarezza che, a 73 anni di distanza da quel triste evento, nella storia venga riportato l'eccidio del 12 settembre, preludio all'insurrezione del popolo napoletano nelle Quattro Giornate di Napoli,e non il nome del marinaio Andrea Mansi da Ravello, classe 1919.

     

    ACHILLE BENIGNO

     

    PS. Alla Mostra D’Oltremare Teatro Mediterraneo era presente anche lo storico prof. Aldo De Gioia, autore di numerose pubblicazioni e poeta. Il prof. De Gioia, a suo tempo, scrisse tra le sue poesie, i versi ”‘O marenaro”proprio sul marinaio Andrea Mansi che pubblico qui di seguito:

    0 MARENARO

    ANDREA MANZI

    Riccio ‘e capille, ‘na faccia bruna

    Teneva ‘e spalle larghe e ll’uocchie nire,

    passaje p’’o Rettifilo e fuje fatale,

    pe chella via ‘nce rrummanette ‘a vita,

    ‘mmiez’’o scalone ‘e ‘ll’Università

    “ Lassateme! Songo surdato

    e torno d’’a licenza,

    vaco ‘ncaserma e stongo franco ancora!”

    “Caput!” dicettero ‘e tedesche

    e subbeto ‘o rinchiettero ‘e mazzate,

    senza sapè che stevano facenno.

    “Oj mà” gridaje, “Dateme mamma mia,

    nun m’accedite, nun songo disartore!”

    ‘A raffica ‘e mitraglie

    ‘o pigliaje ‘mpietto,

    tanto valeva fosse muorto a mare,

    povero marenaro teneva vintiquatto anne.

    Chiagnette Napule senza risciatà,

    ‘mmieze ‘e mmacerie d’’e ccase bumbardate

    Sentetteme ‘nu grido ‘e libertà.

    Quatto jurnate facettero ‘na guerra

    p’’o sanghe ‘e stù guaglione marenaro.

    Surdato eroico rimasto dint’’a storia,

       è ricurdato pe’ l’eternità!                 

     

            ALDO DE GIOIA

     

    Pubblicato da Alberto Del Grosso

    Giornalista Garante dei Lettori

     

     

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »