Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

G.S Minori vince contro la seconda in classifica.

Più informazioni su

Cronaca del coach

Campionato Under 14

G.S Minori-Scafati 44-35(14-3/13-10/7-12/10-10)

Citarella 16, Salvestri 8, D’Amato 6, Apicella G 4, Giordano 4 Fiorillo 2, Di Bianco 2, Bonito 2, Apicella M, Mormile-, Montesanto-, Gatti –

Vittoria inattesa, ancora più bella perché costruita giocando insieme passandoci la palla, difendendo tutti con grande voglia.
Quintetto iniziale Apicella G, Bonito, Citarella, D’Amato e Salvestri.
Iniziamo bene siamo reattivi e giochiamo sempre in transizione applicando quello che abbiamo fatto in settimana. Primo periodo giocato con grande intensità, difendendo anche con grosse difficoltà perché come sempre siamo più piccoli degli avversari. Entrano Fiorillo e Gatti per i quattro minuti finali del periodo, che si chiude a nostro favore 14 a 3. Nel secondo periodo inizio le rotazioni, l’intensità cala, ma continuiamo a passarci la palla, questo produce dei canestri abbastanza facili. Alla fine del primo tempo conduciamo di 14 lunghezze.
Nel terzo periodo le costanti rotazioni ci fanno perdere il filo della matassa, il canestro diventa stregato, Scafati inizia a giocare e questo produce una rimonta degli scafatesi, che chiudono il terzo periodo a meno 9 rosicchiando 5 punti. Nel quarto periodo i miei ragazzi non si sottraggono ad un gioco estremamente duro, unica conseguenza il quinto fallo di D’Amato. Ma fortunatamente reggiamo fino alla fine mantenendo inalterato il vantaggio di 9 punti e chiudendo con il punteggio a nostro favore di 44 a 35.
Ho sempre detto che non bisogna deprimersi per una sconfitta ne esaltarsi per una vittoria, ma sono particolarmente contento per lo scatto di mentalità che abbiamo avuto questa sera. Iniziamo a diventare una squadra oltre che un gruppo, passare la palla sempre ad un compagno libero anche se sbaglia è segno di miglioramento. La mia filosofia di vita oltre che di gioco è che il “Noi” deve superare ogni forma di egoismo e di protagonismo, anche i più bravi devono mettersi al servizio della squadra, tutti devono raggiungere il massimo delle loro potenzialità senza mortificare il talento di chi è più bravo. Merito di questi ragazzi che in settimana si sono allenati con grande entusiasmo. Andiamo avanti con i piedi a terra lavorando sodo, sapendo che nei ragazzi di 12 e 13 anni gli alti e bassi sono la normalità, tireremo i conti alla fine sapendo che “ci vuole il tempo che ci vuole.” (Utente dal Web)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.