Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Veronica, la mamma di Loris, dal carcere lancia un disperato appello al marito: «Davide non mi abbandonare»

Più informazioni su

Santa Croce Camerina. Rimbomba disperato dal carcere di Catania fino a Santa Croce Camerina – qualcosa come 150 chilometri – l’appello disperato di Veronica Panarello al marito, a Davide, a un uomo che ormai non le crede più: «Non mi abbandonare, fammi sapere quando ci saranno i funerali di Loris perché voglio partecipare». Disperato e irragionevole, perché prima di poter partecipare a quei funerali – e chissà quando ci saranno, tanti esami restano ancora da fare – la giovane mamma dovrà fornire una qualche plausibile spiegazione a tutte le bugie che finora ha raccontato. Dovrà smentire in maniera convincente, soprattutto, tutte quelle telecamere che sabato mattina non l’hanno vista dove doveva essere – e cioè davanti alla scuola di Loris – e invece l’hanno sorpresa proprio dove non doveva essere, dalle parti del Mulino Vecchio, dove il corpo di Loris, otto anni appena, qualche ora dopo sarebbe stato trovato. Davide non le crede più ormai da lunedì sera, quando lo separarono da lei e lo piazzarono in una stanzetta della Procura, a fargli vedere stralci dei filmati che proprio quelle telecamere avevano catturato. Fu una tortura per lui, non l’avrebbe mai creduto, tanto che a un certo punto si sfogò: «Se è stata lei, mi cade il mondo addosso». Da allora non l’ha più rivista, è tornato a casa da solo e i dubbi invece che diminuire sono aumentati. Li ha condensati tutti, ieri mattina, in un’altra amara considerazione: «Troppe coincidenze contro di lei». Già, troppe coincidenze. E Veronica non ha provato a smontarne neppure una, nonostante le sedici ore di interrogatorio, prima in Procura e poi, la mattina dopo, in Questura. Ha pianto, ha continuato a professarsi disponibile – «Io collaboro, Loris era il mio bambino» – ma in buona sostanza non ha risposto su nulla. L’aspetta un nuovo interrogatorio, probabilmente oggi, davanti al giudice per le indagini preliminari di Ragusa, Maggioni. Sarà lui a decidere sulla convalida del fermo. Nel frattempo, le indagini vanno avanti. E sono tutte puntate sulla Polo nera di Veronica, a questo punto ufficialmente sotto sequestro. È l’auto che quel sabato mattina venne seguita praticamente passo dopo passo dalle telecamere pubbliche e private di Santa Croce. Ma soprattutto è l’auto che la giovane mamma di Loris – accusata di averlo strangolato con «efferatezza e soprendente cinismo» e di averne gettato il corpo in un canale di scolo – alle 8.49 in punto, al termine di una complicata manovra di parcheggio, piazza davanti al suo garage, in posizione di partenza. Manovra strana, stranissima. Lo confermerà Davide, il marito di Veronica, il papà di Loris,quando sarà ascoltato: «Non la lascia mai lì, neanche di notte…». Invece quella mattina stranamente lo fece, nonostante fosse attesa di lì a poco al corso di cucina a Donnafugata. Fece entrare la Polo nera proprio nel garage, non la lasciò appena fuori: Carabinieri e Polizia lo hanno stabilito con certezza incrociando le immagini delle famosa telecamera dell’emporio con un’altra telecamera, fin qui sconosciuta, piazzata su un’abitazione privata. Ma una volta all’interno del garage è il buio per tutti: cosa ha trasportato uscendo di casa, per la seconda volta dall’inizio della giornata, alle 9.25? Quando Loris, presumibilmente, era stato già ucciso? L’auto sotto sequestro è importante per questo, perché finalmente se ne potrà ispezionare il bagagliaio. Se spuntassero tracce utili lì, per le indagini sarebbe bingo. (Nino Cirillo – Il Mattino)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.