Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Pozzuoli. Terzo attacco al sindaco Figliolia: sfasciata l’auto del padre, in precedenza danneggiata la sua vettura

Più informazioni su

Pozzuoli. Raid vandalico ai danni del padre del sindaco Vincenzo Figliolia. La sua auto è stata sfasciata durante la notte: pneumatici squarciati, il lunotto in frantumi. I carabinieri stanno indagando a 360 gradi e per ora non sembrano escludere alcuna pista. C’è massimo riserbo da parte dei militari guidati dal comandante della compagnia di Pozzuoli, il capitano Elio Norino. In silenzio anche il primo cittadino che non ha voluto commentare l'episodio. Ma trapela la preoccupazione e anche la rabbia: perché lo stesso Figliolia, per ben due volte, si è ritrovato l’auto danneggiata dai teppisti. Ora è finito nel mirino l’anziano padre, 85 anni, che vive con la moglie in un parco residenziale di Monterusciello. Non sembra che abbia mai avuto particolari attriti con i vicini di casa. Una vita condominiale nella norma quella nel parco di via Modigliani. Dove vivono 120 famiglie e con un centinaio di auto parcheggiate ogni notte. Un’automobile di certo non lussuosa quella dell'anziano, una Fiat Palio acquistata molti anni fa. Difficilmente qualche malintenzionato avrebbe potuto pensare che al suo interno potessero trovarsi oggetti di particolare valore. A far propendere per un gesto mirato contro la famiglia del sindaco sono i precedenti. Due altri episodi del tutto identici che hanno visto protagonista lo stesso Figliolia. Auto vandalizzata con vetri in frantumi. E senza alcun oggetto portato via. È accaduto nella scorsa primavera. Il primo episodio non venne denunciato dal primo cittadino. Di notte un finestrino della sua Nissan Micra venne mandato in frantumi dal lancio di un pesante sasso. Il sindaco decise di non comunicare nulla alle forze dell'ordine, credendo probabilmente si trattasse di un episodio non particolarmente grave. Ma appena due settimane dopo un altro danneggiamento. Sempre con le stesse modalità. I teppisti agirono di notte all'esterno della sua abitazione dove era parcheggiata la vettura. Scattò la denuncia ed il caso venne preso in esame dai carabinieri. Gli stessi che dalla prima mattinata di ieri stanno indagando sull’episodio riguardante l’anziano padre. Difficile pensare si tratti di episodi non collegati tra loro. Ma, come detto, restano aperte tutte le piste. Di certo si tratterebbe di una casualità impressionante, dovuta ovviamente al legame con la persona più influente della città. E che proprio in forza del ruolo che ricopre non può essere ritenuto al riparo da critiche o astio da parte di chi non condivide il suo operato. E qui il quadro sembra tingersi di tinte ancora più fosche. Colpire uno stretto parente e non il «diretto interessato». Un modo per lanciare un segnale lasciando intendere – con il peggior linguaggio – che chi ha agito conosce bene la famiglia del sindaco e dove abitino i suoi parenti. Da qui il tono preoccupato del primo cittadino, che ha già ottenuto molti attestati di solidarietà. Ad iniziare dal circolo puteolano del Partito Democratico di cui Figliolia fa parte: «Massima solidarietà e vicinanza per il vile e vigliacco attacco subito. Atti vandalici, ora come in passato, non fermeranno il processo di cambiamento della nostra città che con impegno si sta portando avanti ogni giorno». Tra le azioni messe in campo da Figliolia che potrebbero avergli attirato qualche «inimicizia», la stretta sul rilascio delle licenze commerciali e la lotta contro il fenomeno della movida selvaggia, tra parcheggiatori abusivi e tavolini piazzati senza permesso. Solidale anche il movimento Noi Re(si)stiamo: «È il terzo episodio del genere, a noi conosciuto, che capita al sindaco di Pozzuoli. Un gesto vergognoso ed inqualificabile. Per noi la critica è il sale della politica, ma di destra o sinistra che sia chi tocca la massima istituzione in città sta minacciando tutti noi». (Alessandro Napolitano – Il Mattino)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.