Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Benigni…, grazie!

Più informazioni su

Grazie perché ci hai richiamato alle italiche virtù, ci hai ricordato chi siamo e cosa stiamo perdendo, cosa stiamo buttando in questa raccolta indifferenziata di pseudo-sentimenti e pseudo-vita. Grazie perché ci hai detto che l’amore, il dolore, la fede, sono un Mistero, al quale ci dobbiamo accostare con umiltà e devozione, come i primi uomini che scoprirono il fuoco e impararono a non temerlo, anzi, a farselo “amico”! «Il grande amore ci fa paura perché ci mette in una situazione di pericolo, perché si diventa vulnerabili, si perde la corazza che abbiamo nei confronti del mondo. Perché in amore si dà tutto, ci si dà completamente e si può perdere» (F. Ardant). Ecco, tu ci hai ricordato che saper amare vuol dire ritrovarsi, specialmente in queste feste natalizie, saper soffrire vuol dire trasformarsi offrendo tutto per amore, e saper credere vuol dire illuminarsi di una Luce ineffabile che rischiara le tenebre più buie. Grazie perché non ci hai “imposto” una fede, la “tua” fede, ma ci hai lasciati liberi di capire che essa è il misterioso anelito che spinge i mortali verso l’Eterno: le creature al loro Creatore. Grazie perché, a noi, agli “addetti ai lavori” hai dato una grande lezione di teologia. Speriamo che parecchi nostri presbiteri apprezzino la lezione ed io per primo continuerò, pur in ossequio al magistero, a parlare della fede come l’ho sentita nascere dentro la mia anima, miserrima, ma desiderosa, come le altre, della rugiada divina. Grazie, perché, per un po’, siamo stati compagni di questo terreno pellegrinare, non so quanti ci abbandoneranno perché scettici e disillusi, ma noi saremo sempre pronti a fermarci ai crocicchi delle strade per attendere lo stremato, chi ha lo “zaino” pesante e il passo stanco. Grazie, infine, perché poeticamente ci hai ricordato di “sorella morte”, destino certo di ogni vivente. «Temere l’amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti». (B. Russel).

(Utente dal Web)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.