Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

All’Olimpico la Roma pareggia nel finale contro il Sassuolo 2-2 .Scelte sbagliate di Garcia foto

Più informazioni su

Stavolta Garcia manda in campo la formazione sbagliata e rischia di peredere all'Olimpico.I giallorossi evitano la prima sconfitta in campionato  all’Olimpico, rimontando due gol al Sassuolo con una doppietta di Ljajic. Il vantaggio di tre punti della Juve è rimasto invariato, la squadra di Garcia ha perso una grande occasione per avvicinarsi ai Campioni d’Italia. La partita si è messa subito male per i giallorossi, sullo 0-2 dopo 18 minuti con la doppietta di Zaza. Il Sassuolo ha Pcollezionato l’ottavo risultato utile in campionato e dopo la Juve ha fermato anche la Roma. La squadra di Di Francesco ha meritato almeno il pareggio, considerato anche che il secondo gol di Ljajic è stato viziato dalla posizione di fuorigioco di Florenzi. Ma questa volta sono soprattutto le scelte di Garcia che non convincono. Dopo aver visto lo scialbo pareggio della Juve a Firenze, il tecnico ha messo in campo una formazione con l’obiettivo di conquistare i tre punti, salvaguardando però molti titolari per il Manchester. Così sono andati in panchina Totti, Astori, Maicon, Nainggolan, Keita e Gervinho, che rivedremo tutti in campo dall’inizio in Champions. Sei giocatori forse sono troppi contro una delle squadre più in forma del campionato. E poi il tecnico francese non ha fatto i conti con Simone Zaza, che ieri sera all’Olimpico è sembrato un’ira di Dio.

LA PARTITA

Partire da meno quattro (dalla Juve), con la voglia matta di vederla da vicino (la Juve a meno uno) e precipitarsi nel turn-over produce effetti da non credere. E la Roma conStrootman al debutto, Iturbe e Destro e non Totti-Gervinho, qualcosa in testa che si chiama Champions League e Manchester City, va a sbattere contro il muro del Sassuolo. E sono dolori. Dolori da non credere.
L'impatto del primo quarto d'ora, senza ferire e senza subire, diventa all'improvviso l'incubo-Olimpico in 180 secondi. Yanga-Mbiwa cede il pallone a De Sanctis: lento il pallone e lento il riflesso del portiere. Zaza se ne accorge, irrompe e ne approfitta: Sassuolo in vantaggio, siamo al 15'. Nemmeno il tempo di rifiatare: Roma avanti e  fulminante contropiede neroverde. Missiroli trova Zaza lanciato (e solo) nell'area romanista, destro in corsa del pupillo di Conte, senza scampo per De Sanctis: Roma-Sassuolo 0-2. E siamo al 18'.
Follie del Pallone, o mica tanto. La salute della squadra di Di Francesco (4 vittorie e 3 pareggi, nelle ultime 7 gare) è fuori discussione. Il tridente d'attacco sa fare male. Il resto lo fanno pressing a tutto campo, esperienza dei Cannavaro e Brighi. Per la Roma (troppo) riveduta e corretta è dura riprendersi. 
Ci vuole mezz'ora perché i giallorossi sappiano rianimarsi. La traversa di Holebas al 28', dopo splendido assolo, sarebbe l'occasione giusta. Ma è traversa, appunto. L'assalto all'area neroverde si fa pressante, un colpo di testa di Destro (32') esce di un niente, ma ogni ripartenza avversaria è un'angoscia  e Holebas, al 41', salva i suoi dalla botta dello 0-3. Anticipa Berardi a mezzo metro dal gol (porta vuota) e così si chiude il tempo. Increduli i romanisti. E anche quelli del Sassuolo.
Intervallo per capirsi, Garcia e i suoi. Inizio di ripresa per perdersi, subito. Al 5' De Rossi, già ammonito nel primo tempo per avere steso Sansone, ripete il suo gesto: stavolta èBerardi che gli scappa, la scorrettezza del capitano c''è e il secondo giallo non si può evitare. Roma in dieci, sotto di due gol e in completa catalessi. Com'era col Bayern, per capirsi. L'incubo continua: e peggiora.
Gervinho e Nainggolan dentro, per capirci qualcosa. Strootman ha fatto poco, o fin troppo dopo otto mesi, Iturbe ha corso tanto e sprecato palloni. Il senso della partita sembra un inutile prodigarsi della Roma, senza possibilità di sbocchi. Il Sassuolo controlla. Di Francesco non cambia, i minuti scorrono senza sussulti. Fino a quando l'arbitro Irrati vede un rigore che c'è-non c'è (più no che sì) sul tiro di Gervinho deviato da Vrsaljko in caduta con l'avambraccio. Rigore, calcia Ljajic e realizza. E' il 33' st, il tempo per riprendere una partita persa esiste. E Ljajic la riprende, con il gol al 47', doppietta che salva la Roma dal ko.
Epilogo che toglie a Garcia i pessimi pensieri di una sconfitta, ma che apre qualche inquietudine in più scrutando l'orizzonte di Champions League e la sfida al Manchester City, all'Olimpico. Mentre la Juventus passa indenne dallo 0-0 di Firenze, i pensieri scudetto restano intatti. E questo in casa giallorossa non era nei preventivi.

 

LE PAGELLE

De Sanctis 5 – L'errore, rinvio ritardato sul retropassaggio lento di Yanga-Mbiwa, costa il gol di Zaza dell'1-0 e una serata da incubo. Succede di non festeggiare il nuovo contratto. Col City faccia più attenzione.
De Rossi 4 – In affanno, troppo in affanno quando si oppone alle corse di Berardi e Sansone. Due cartellini gialli, Roma in dieci dal 5' st. Una partita (per il capitano) da dimenticare.
Strootman 4,5 – Prima o poi, bisogna farlo giocare. Garcia lo schiera dall'inizio e gli impacci sono quelli, evidenti, che sospetti e speri non ci siano. Non per caso, fuori lui la Roma non si accorge o quasi di essere in dieci contro undici.
Gervinho 6,5 – Dentro lui, l'attacco giallorosso comincia a fare male, con la rapidità e il senso del pericolo che appartengono a Gervinho. Il suo tiro che incoccia il braccio di Vrsaljko per i più non è rigore. Per l'arbitro sì. E rigore è quando arbitra fischia, diceva Boskov.
Ljajic 7 – Un rigore calciato centrale per la speranza, il gol a colpo sicuro per il pareggio. Per uno che aspetta sempre di conquistare Roma e la Roma, è un bel vedere.
Cannavaro 6 – Le prende tutte lui, o quasi, nell'area neroverde. Il bello e il buono però non resistono fino in fondo. Peccato.
Missiroli 6,5 – Lavora da regista, lancia Zaza verso il gol del 2-0, fa soffrire De Rossi. Vogliamo di più?
Zaza 7,5 – Tutto suo il gol dell'1-0, coraggio, ingegno e bravura. Suo e di Missiroli (assist) il raddoppio. Ci sono occasioni per mettersi in mostra. E la sfrutta a pieno titolo. Bravo.
Berardi 6 – Ci si attende molto, fa molto movimento, ma non incide come potrebbe e dovrebbe.

IL TABELLINO

ROMA-SASSUOLO 2-2
Roma (4-3-3): De Sanctis 5; Florenzi 6, Manolas 5,5, Yanga Mbiwa 5, Holebas 6; Pjanic 5,5 (27' st Keita 6), De Rossi 4, Strootman 4,5 (9' st Nainggolan 6,5); Iturbe 5,5 (9' st Gervinho 6,5), Ljajic 7, Destro 5,5. A disp: Skorupski, Maicon, Astori, Cole, Somma, Borriello, Emanuelson, Totti. All. Garcia 5
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6; Vrsaljko 5, Cannavaro 6, Acerbi 6, Peluso 6; Taider 5,5, Missiroli 6,5, Brighi 6,5 (36' st Biondini sv); Berardi 6 (36' st Floro Flores sv), Zaza 7,5 (39' st Floccari sv), Sansone 6,5. A disp: Pomini, Polito, Longhi, Antei, Ariaudo, Gazzola, Chibsah, Terranova, Pavoletti. All. Di Francesco 6
Arbitro: Irrati
Marcatori: 15' Zaza (S), 18' Zaza (S), 33' st Ljajic (R), 47' st Ljajic (R)
Ammoniti: Pjanic, De Rossi, Nainggolan (R), Berardi, Vrsaljko, Peluso (S)
Espulsi: De Rossi (R) al 5' st per doppia ammonizione, 28' st Vrsaljko (S) per doppia ammonizione

All'Olimpico

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.