Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Omaggio a Maria Clotilde Regina di Sardegna

Più informazioni su

I FRATI FRANCESCANI DEL TERZO ORDINE REGOLARE DI S.CATERINA A CHIAIA
LA DELEGAZIONE CAMPANA DELL’ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA

Invitano la  S.V.  alla solenne Celebrazione Eucaristica nell’anniversario del richiamo a  Dio a Napoli della Venerabile Maria Clotilde di Borbone di Francia Regina di Sardegna e Terziaria Francescana che avrà luogo domani 7 marzo 2010 alle ore 18.00 nella Chiesa di S. Caterina a Chiaia in Napoli.

Al Sacro Rito sarà presente S. A. R. il Principe Sergio di Jugoslavia

Al termine sarà consegnato l’XI  Premio Venerabile Maria Clotilde

 

MARIA CLOTILDE:
Nacque il 23 settembre 1759 nel castello di Versailles, figlia di Luigi delfino di Francia e della principessa Maria Giuseppina di Sassonia, fu educata in avversione alla dissolutezza della corte e dotata di una forte vocazione
religiosa (alla quale aveva contribuito l’educazione impartitale dalla nonna Maria Leszczynska) ma nonostante questa inclinazione, a 16 anni andò sposa al principe ereditario di Piemonte Carlo Emanuele anch’egli incline più alle cose
dello spirito che alla politica; il matrimonio fu celebrato per procura il 20 agosto 1775.
Il loro matrimonio non fu gratificato dalla nascita di un figlio, ma essi accettarono di comune accordo la volontà di Dio, ambedue abbracciarono la regola del Terz’Ordine Domenicano, lei prese il nome di Maria Clotilde di s.
Margherita e lui Carlo Emanuele di s. Giacinto.
Sopportò con grande dolore gli sconvolgimenti della Rivoluzione Francese che portarono alla morte sul patibolo nel 1793 di suo fratello Luigi XVI, della cognata Maria Antonietta e di sua sorella Maria Elisabetta che amava teneramente.
Il marito Carlo Emanuele IV di Savoia, salì al trono di Sardegna il 18 ottobre 1796, ma il regno durò poco, i francesi invasero il Piemonte ed i sovrani dovettero firmare una convenzione con il generale francese Joubert l’8 dicembre
1798 che faceva obbligo al re di rinunziare al trono; così i due giovani coniugi furono costretti all’esilio a Cagliari.
Visitò il Papa Pio VI a cui donò il suo anello; lasciata Cagliari i due esuli fecero tappa a Firenze e Roma ma fu loro consigliato, dato il pericolo, di riparare nel regno delle Due Sicilie a Napoli, dove giunsero il 25 novembre 1800, accolti con poco entusiasmo dalla corte borbonica.
Alloggiarono prima in una locanda al Chiatamone denominata “Alle Crocelle” e poi traslocarono nell’albergo “Aquila Nera” del rione Chiaia. La regina che aveva venduto anche il vasellame d’argento per aiutare quanti erano più poveri
di lei, trascorreva buona parte del suo tempo nella vicina chiesa di s. Caterina dei Francescani del Terz’Ordine Regolare. Il padre superiore del convento divenne suo confessore e lei si iscrisse anche al Terz’Ordine
Francescano, ebbe consigliere anche il barnabita s. Francesco Saverio Maria Bianchi incontrato a Napoli.
Nel 1801 per un mese furono a Roma per i riti della Settimana Santa, conobbero il nuovo papa Pio VII, ma furono costretti a ritornare subito a Napoli per sfuggire ad un rapimento che i francesi stavano organizzando. Un anno dopo,
avendo avuto una grave malattia Maria Clotilde si spegneva il 7 marzo 1802 a soli 42 anni. Fu tumulata nella stessa chiesa di s. Caterina a Chiaia, dov’è tuttora, nella cappella della “Buona Pastora”, il re suo consorte conscio della virtù della semplicità che aveva animata la loro vita, le fece edificare una modesta tomba, che nel 1933 fu restaurata dal Re Umberto II di Savoia. Il 10 aprile 1808 cioè sei anni dopo la morte, il Papa Pio VII la dichiarò Venerabile e introdusse la causa di beatificazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.