Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

FURTI ALL’OSPEDALE DI CAVA DE´ TIRRENI, LAMBERTI CHIEDE PIU´ SICUREZZA

Più informazioni su

CAVA DE’ TIRRENI – Una lettera al prefetto di Salerno, Sabatino Marchione, e al questore di Salerno, Vincenzo Roca, per chiedere maggiore sicurezza all’ospedale di Cava De’ Tirreni. A presentarla è il candidato al consiglio comunale per il Pdl, Vincenzo Lamberti, ancora sconcertato per l’episodio accaduto al nosocomio di Santa Maria dell’Olmo e Costa d’Amalfi, dove nei giorni scorsi ignoti hanno frugato tra gli effetti personali di medici e infermieri appropriandosi di soldi, portafogli, coperte e anche generi di vestiario. “Il compito di sorveglianza e servizio d’ordine dell’ospedale cavese è affidato, da qualche anno, ad una società di vigilanza privata che effettua il proprio servizio nei pressi del pronto soccorso, ma questo non basta”, afferma Lamberti. “E’ necessaria anche la presenza dei vigili urbani per una sicurezza più capillare, per consentire ai cittadini di vivere in modo più sereno e sicuro. Inoltre, bisogna provvedere a potenziare la videosorveglianza con nuove telecamere e a chiudere, nelle ore notturne, gli accessi secondari all’ospedale”. Misure necessarie per Lamberti, che poi bacchetta anche i vertici dell’Asl: “Dovrebbe essere la stessa Azienda sanitaria locale a provvedere a filtrare gli ingressi negli orari notturni, in maniera tale da evitare che chi non ha ragione di entrare frequenti l’area ospedaliera”. Lamberti non punta ad un nosocomio blindato ma – secondo l’esponente del Pdl – “in certe ore serve un serio controllo sugli accessi”. L’ospedale cavese è un luogo importante per la cura dei cittadini ma costituisce anche, in forza del grande e continuo afflusso di persone, una situazione di oggettiva insicurezza e potenziale rischio. “Si tratta di una situazione insostenibile per la sicurezza degli operatori sanitari e degli stessi cittadini utenti”, afferma Lamberti. “Nei momenti di maggiore criticità il personale a disposizione è troppo poco. E’ facilmente intuibile che in questo settore è necessario un servizio costante, competente e discreto, quale solo le forze dell’ordine possono garantire, e che non è possibile supplire con un paio di guardie giurate né tantomeno con le cosiddette “ronde”, alle quali non si può chiedere un servizio di questo livello e impegno. Per questo scriverò, nei prossimi giorni, una lettera dove chiederò al prefetto e al questore di Salerno di attivarsi, nel rispetto della reciproca autonomia e competenza, per dare quanto prima una risposta a questa esigenza di medici, personale infermieristico e cittadini, garantendo un servizio per 24 ore al giorno, sette giorni su sette. Bisogna porre fine ad una situazione oggettiva di insicurezza, che mette a rischio l’incolumità degli operatori e degli utenti e che rende meno accessibile un servizio sanitario essenziale ed urgente”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.