Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Ti amerò sempre", "Ci manchi già". Facebook ricorda Maria Cristina

Più informazioni su

 

Su Facebook centinaia di messaggi ricordano Maria Cristina, la ragazza romana di 18 anni, morta giovedì a Londra dopo essere caduta dal sesto piano dell’hotel dove era ospitata con i compagni in gita scolastica. Scotland Yard, che ha ascoltato i professori, esclude il dolo, cioè che qualcuno possa aver spinto la studentessa. La famiglia crede nell’ipotesi del malore. I ragazzi del Machiavelli sono tornati nella notte dalla capitale inglese.
E’ ancora mistero sulla morte di Maria Cristina Schiani, la liceale romana di 18 anni precipitata giovedì sera dal sesto piano di un albergo a Londra, dove si trovava per una gita scolastica. In attesa dell’esito dell’autopsia che sarà fatta la prossima settimana e dei risultati delle indagini di Scotland Yard che esclude però il dolo, chi conosceva Maria Cristina esclude il suicidio. Antonietta, la madre della studentessa, non crede all’ipotesi del suicidio ma è convinta che possa essersi trattato di un malore, visto che la ragazza prima di morire aveva detto a un insegnante di avere mal di testa e anche nei giorni precedenti aveva sintomi febbrili.

I dubbi
Ad essere convinti che Maria Cristina non si sia uccisa sono anche alcuni vicini di casa a Roma, per i quali “in queste gite capita di fare bravate e quindi potrebbe esserci stato qualche spintone di troppo”. Il preside del liceo classico Machiavelli, Marcello Montagna, l’istituto frequentato da Maria Cristina, ribadisce che la studentessa era una ragazza modello, anche per questo “era stata eletta dai compagni come rappresentante di classe”. E riferendosi al mistero della sua morte, il preside spiega turbato: “Nel momento cruciale non l’ha vista nessuno”.

La gita
Nelle ore prima della morte la studentessa aveva visitato il centro di Londra con i suoi compagni ed era stata alla National Gallery. Poi durante la cena in albergo la tragedia. Ad essersi chiuso nel silenzio è invece Matteo, il fidanzato, un ragazzo biondo che ha all’incirca la stessa età di Maria Cristina.

Le indagini
Gli uomini di Scotland Yard hanno intanto interrogato i docenti presenti in albergo. Due insegnanti, venerdì sera, sono stati ascoltati a lungo dalla polizia britannica che sta tentando di ricostruire la dinamica della morte. In serata è  arrivata una prima presa di posizione. Secondo Scotland Yard  si tratterebbe di una morte non sospetta.

“I nostri agenti – ha detto un portavoce di Scotland Yard – hanno raccolto le testimonianze di chi era presente sul posto al momento dell’incidente e ora produrranno il rapporto da sottoporre al coroner”. Ovvero l’ufficiale giudiziario che ha il compito, nel sistema britannico, di stabilire le cause di una morte accidentale. “Una volta ottenuti tutti i documenti – ha proseguito il portavoce – il coroner deciderà se archiviare o richiamare i testimoni per ulteriori chiarimenti”. Ad ogni modo la polizia britannica sembra certa di un fatto: qualunque cosa sia accaduta, Maria Cristina non è stata spinta. L’udienza del coroner è attesa tra un mese

I compagni
I compagni di scuola di Maria Cristina sono tornati sabato sera a Fiumicino dopo le 23 con un volo dall’aeroporto londinese di Heathrow. Il padre di Maria Cristina, invece, secondo quanto riferiscono alcuni familiari, dovrebbe tornare a Fiumicino con un altro volo.

Il ricordo su Facebook
La morte di Maria Cristina ha intanto scatenato i suoi amici di Facebook. “Non ti dimenticheremo”. “Ti saremo sempre vicino”. “Ti vogliamo bene”. Il giorno dopo la morte di Maria Cristina, il fidanzato, gli amici e i compagni di classe del liceo Machiavelli di San Lorenzo, la ricordano così, inondando le pagine di Facebook con messaggi, pensieri, mazzi di fiori virtuali.
Appena quattro giorni fa Matteo D.C., il ragazzo di Maria Cristina partita per la gita scolastica in Inghilterra, scriveva “ora più che mai…già mi manchi”. E qualche ora dopo aggiungeva “8 agosto 2009: la data più importante della mia vita”. Era il giorno in cui avevano deciso di mettersi insieme, di promettersi quell’amore che tutti consideravano solido e felice. Gli ultimi messaggi sul suo profilo, invece, Matteo li ha postati ieri sera, dopo aver saputo la notizia della morte della diciottenne: “Sarai sempre nel mio cuore – ha scritto – Ti amo e ti amerò per sempre. Sei stata la donna più importante della mia vita. Ciao piccola”.
Un  dolore enorme, immenso, che si aggiunge a quello degli amici che per Maria Cristina hanno creato pagine e gruppi sul social network. “Qualsiasi cosa succederà noi comunque non ti dimenticheremo” ha scritto Andrea N.U. della V B. “Mary ti voglio bene. E con me porterò qualcosa di indelebile” ha commentato invece Vanessa.
Stupiti, increduli, scioccati tutti gli altri. Come Edoardo C. che scrive: “La vita è ingiusta…a volte troppo…e non c’è niente da dire. Siamo tutti vicini a Matteo e alla famiglia di Cristina”. O Silvia F., ex studentessa del Machiavelli: “Che tragedia. Povera piccola”. Anche Valentina D’A. si ricorda di quella ragazzina minuta, un po’ scura di carnagione, con la faccia simpatica e gli occhialetti tondi: “Ecco un’altra botta. Un’altra tragedia. Io me la ricordo, la conoscevo un po’. Aveva un anno meno di me e andando all’università lì vicino la mattina a incontravo spessissimo. Sono senza parole”. La stessa frase che stamattina echeggiava in tutti i corridoi semi-vuoti del liceo di via dei Sabelli tra bidelli, segretari e professori: “Non sappiamo nulla, non sappiamo darci spiegazioni. Sappiamo solo che siamo distrutti.
fonte La Repubblica Roma                       inserito da Michele Pappacoda

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.