Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Salerno: Bufera in consiglio, scontro Pdl-sindaco Il vicepresidente si dimette: c´è un regime

Più informazioni su

Scambio di accuse tra maggioranza e opposizione ma l’odg passa. E Zitarosa se ne va: non c’è democrazia.

SALERNO — Giuseppe Zitarosa (Pdl) si dimette da vicepresidente del consiglio comunale e minaccia l’intervento della Procura. Il suo collega Roberto Celano gli dà man forte. Nel mirino dell’opposizione finiscono la nomina di un revisore dei conti, D’Esposito, e «il regime, la dittatura e la mancanza di democrazia e trasparenza» della civica assise. Il gruppo del Pdl si scalda, ma il sindaco Vincenzo De Luca gela tutti. «Vorrei dire al professore Celano – replica il candidato del Pd alla presidenza della Regione – che ho appena denunciato il suo collega di partito Bocchino per diffamazione. Tanto per rispondere alle denunce con denunce serie». Cronaca di una seduta del consiglio comunale dai toni roventi. Il clima si annuncia caldo già all’insediamento dell’assise, quando De Luca non c’è ancora. Il sindaco arriva un quarto d’ora dopo le dimissioni di Zitarosa che annuncia di trasmettere alla Procura la delibera del 28 dicembre scorso con cui è stato nominato il collegio dei revisori dei conti. Di cui fa parte il «cugino dell’assessore Enzo Maraio», tuona il consigliere, denunciandone l’incompatibilità e definendo il consiglio comunale «una farsa».

Il verbale diventa il pretesto per aprire uno squarcio sul «regime, la dittatura e la mancanza di democrazia e trasparenza» del civico consesso. Che il gruppo di opposizione cerca di combattere abbandonando l’aula e sperando di condizionare la votazione del verbale incriminato. Tentativo fallito, perché il sindaco De Luca ha numeri e uomini a sufficienza. Persino il suo oppositore storico Fausto Morrone alza la mano per votare a favore. La seconda occasione per il Pdl è la votazione del Piano Casa. Antonio Pierro chiede la verifica del numero legale e il presidente Ettore Liguori procede al primo appello. I conti sembrano non tornare neanche al secondo, così sostiene l’opposizione. La pensa diversamente la maggioranza che comincia la conta di alcuni consiglieri (sia dell’uno che dell’altro schieramento) che stanno riprendendo i propri posti. Celano si infuria: «Ecco le anomalie di questo consiglio comunale. Mando tutto in Procura».

E, a quel punto, De Luca replica alla minaccia della denuncia annunciando la querela già depositata contro l’onorevole Italo Bocchino. La maggioranza abbandona l’aula, non senza però aver bacchettato il collega Antonio Pierro, costretto più volte a difendersi: «resto in consiglio – spiega – per esercitare il mio diritto di voto». Poi, il consiglio approva tutto: il progetto preliminare in variante di Salerno Porta Ovest, la variante di localizzazione di 480 alloggi, la riqualificazione dell’area di via Laspro e il peep di Sant’Eustachio. Viene ritirato il punto all’ordine del giorno sul permesso in deroga a costruire un altro piano chiesto dalla clinica Tortorella, di cui Morrone aveva denunciato l’illegittimità, insinuando un gesto strumentale alla campagna elettorale. «L’atto viene ritirato – precisa De Luca – perché in questo momento c’è bisogno di un clima di trasparenza e non di strumentalizzazione. Dopo la campagna elettorale, lo ritengo già approvato». Morrone plaude all’«intelligenza» ma si prepara a dichiarare battaglia. Forse anche giudiziaria.

fonte Corriere del Mezzogiorno                                                   inserito da Michele Pappacoda

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.