Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Presentato alla Cisl il documento sull’ ‘Emergenza Casa’ sottoscritto con Filca, Sicet, Ance e Agci

Più informazioni su

SALERNO – E’ stato presentato oggi, nella sala convegni ‘Rolando Cian’ della Cisl Salerno, il documento conclusivo sull’emergenza casa che interessa Salerno e la sua provincia. Il testo, redatto e condiviso da tutti i partecipanti alla tavola rotonda che si svolse lo scorso 4 febbraio al ‘Grand Hotel Salerno’, è stata presentata dal segretario provinciale della Cisl Salerno, Giovanni Giudice, il segretario della Filca Cisl, Ferdinando De Blasio, il responsabile provinciale del Sicet Cisl, Vittorino Scarano, il componente della presidenza nazionale dell’Agci con delega per il Mezzogiorno, Aldo Carbone, e il direttore dell’Ance Salerno, Giovanni Veneri. Quella presentata dalla Cisl Salerno è una proposta di intenti, mirata alla risoluzione del problema abitativo e all’attenuazione dei suoi effetti. Con l’impegno di monitorare lo stato di emergenza esistente il sindacato di via Zara, nei prossimi giorni, provvederà ad inoltrare il documento alla presidenza della Regione Campania, alla Provincia di Salerno e a tutti i sindaci dei Comuni facenti parte della territorio salernitano. “La sfida del Sindacato risiede nello sviluppare le capacità contrattuali sindacali e di partecipazione ai processi di pianificazione territoriale mediante  un rapporto di forte collaborazione tra dirigenti Cisl, Filca e Sicet per migliorare le capacità negoziali sullo sviluppo dell’edilizia residenziale pubblica”, affermato il segretario Giovanni Giudice.  “L’intervento di social housing, come studiato ed elaborato dall’Ance di Salerno, sulla scorta dell’esperienza nazionale ed europea, unisce il diritto all’abitare allo sviluppo economico. L’edilizia sociale può essere un’opportunità di sviluppo ed un fattore stabilizzante. In questo processo gli enti locali non possono essere spettatori. Le amministrazioni locali devono poter partecipare al cofinanziamento attraverso l’apporto diretto di risorse finanziarie ma anche immobiliari, anche con la riduzione o l’esonero dal contributo di costruzione o la riduzione di imposte comunali. La Regione devono sviluppare rapporti con le Fondazioni bancarie, al fine di destinare una parte dei fondi europei del Por 2007-2013 all’edilizia sociale ed a  quella privata”. Sulla stessa lunghezza d’onda il segretario del Sicet Salerno, Vittorino Scarano: “É indubbio che le fasce maggiormente colpite sono quelle composte dai giovani che si affacciano al mondo del lavoro e che cercano autonoma sistemazione abitativa, dalla giovane coppia, dagli anziani, dagli studenti,dagli immigrati,e non da ultimi dai cosiddetti ‘nuovi poveri’. Un recente rapporto sulla povertà ha evidenziato l’esistenza di una fetta, in crescita, della popolazione che non può permettersi di pagare un canone di affitto al prezzo di mercato. La naturale conseguenza è l’aumento degli sfratti, la quasi totalità avviene infatti per morosità. Il dibattito a livello locale evidenzia come la problematica abitativa deve oggi coniugarsi sempre più con le nuove esigenze dettate dai cambiamenti demografici (invecchiamento popolazione), dell’incremento della nuova famiglia monoparentale (anziani), dei bisogni dei giovani e studenti alle nuove esigenze determinate dai flussi migratori”. Schietto e diretto il responsabile provinciale della Filca Salerno, Ferdinando De Blasio: “Prima di costruire case dobbiamo mettere in sicurezza il territorio. Il dissesto idrogeologico è dietro l’angolo e bisogna intervenire prima che avvenga un’altra tragedia come quella di Sarno. La crisi del settore edile attualmente, in provincia di Salerno, necessità di una forte scossa per rilanciare un’economia che ormai è paralizzata. Molti guardano tale settore con indifferenza, ma non tutti sanno che è uno dei comparti che manda avanti l’intera economia nazionale. Sul piano edilizio occorre evitare l’aggiudicazione di appalti con il massimo ribasso che inducono a pensare ad un’operazione di riciclaggio di denaro. La politica per il momento resta arrogante e incapace di confrontarsi con i sindacati. A Salerno e provincia c’è bisogno di 40mila nuovi alloggi. Dei 158 comuni della provincia nessuno ha voluto discutere con il sindacato. Anche con il Comune di Salerno abbiamo avuto difficoltà. Tempo fa proposi al sindaco un protocollo d’intesa basato sulla legalità degli appalti, ma non ho mai ricevuto risposte in merito. Nella città capoluogo c’è un’azienda che chiede di costruire 171 appartamenti ma l’opera non è mai partita. Chissà perché”. Il dibattito è poi continuato con l’intervento del componente della presidenza nazionale dell’Agci con delega per il Mezzogiorno, Aldo Carbone: “La politica per l’Edilizia Sociale della Regione Campania è stata fortemente penalizzata quando furono sottratti i fondi. La mancanza di questi soldi ha ridotto ulteriormente la produzione di alloggi sia sovvenzionati che agevolati, ed il recupero programmato di 30 milioni di euro nella finanziaria del 2010 rende molto difficile la soluzione del problema in una regione dove c’è necessità di costruire almeno 300.000 mila nuove abitazioni. Da oltre due anni manca con le cooperative, sebbene richiesto, e più volte sollecitato alle istituzioni, un confronto serio e costruttivo sulle tematiche di sostegno alla casa nel quadro generale di interventi che vanno dall’edilizia sovvenzionata a quella convenzionata sia in locazione che in proprietà”.
I lavori si sono conclusi con l’intervento del direttore dell’Ance Salerno, Giovanni Veneri: “Dobbiamo essere concreti e lavorare su proposte serie e reali. Oggi la nuova sfida è lavorare sui fondi di partenariato come è accaduto in Emilia Romagna. Il documento presentato dalla Cisl Salerno è un punto di partenza per costruire qualcosa di importante”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.